Zona rossa Lombardia, Fontana lancia l’allarme: “Numeri terrificanti”

Il governatore Attilio Fontana non è affatto ottimista e descrive la condizione zona rossa Lombardia come imminente “Indice Rt altissimo”.

zona rossa Lombardia Fontana
Attilio Fontana sulla situazione zona rossa Lombardia Foto dal web

Nel corso di una intervista rilasciata a Sky Tg24, Attilio Fontana ha definito come estremamente critica la situazione zona rossa Lombardia. E ha parlato proprio di una attuazione dei provvedimenti di rischio massimo praticamente certa per quanto riguarda il territorio da lui amministrato.

Leggi anche –> Ranieri Guerra, le accuse di Zambon: “Mi chiedeva di falsificare il piano pandemico

La settimana da poco conclusasi ha portato ad un aumento dell’indice di contagio Rt a 1,24. Un altro punto decimale e scatterebbe proprio la zona rossa in Lombardia, secondo i nuovi parametri stabiliti da Governo e Comitato tecnico scientifico. I criteri più recenti fanno ora scattare la zona arancione con indice Rt pari o superiore a 1, e quella rossa da 1,25 in poi. “Se dovessimo andare in rosso, cosa che accadrà prestissimo stando a questi numeri, scatterebbe la chiusura immediata delle zona”. Per Fontana la alternanza tra le varie zone di rischio nel corso delle ultime settimane ha avuto delle conseguenze deleterie. Andare da giallo ad arancione a rosso e poi di nuovo in altre colorazioni non ha garantito la necessaria stabilità. Di conseguenza questa altalenanza ha finito con l’avere delle ripercussioni sulla responsabilità e sulle azioni compiute da cittadini ed attività.

Leggi anche –> Vaccino Covid, paresi facciale per un’infermiera: è il secondo caso

Zona rossa Lombardia, Fontana: “Eravamo pronti per la scuola”

Con la zona rossa Lombardia e cittadini lombardi dovranno di nuovo sottostare ad una serie di normative stringenti, allo scopo di fare calare la curva dei contagi, elevatissima ormai da quasi un anno. Ma Fontana sottolinea come ci fosse un piano ritenuto sicuro per garantire la scuola in presenza e che avrebbe coinvolto in maniera adeguata anche i trasporti locali. “Ma l’improvviso peggioramento dei dati ci costringe a prendere altre scelte”. Nel frattempo va avanti la campagna di vaccinazione, la cui gestione è finita ora nelle mani di Letizia Moratti, nuovo assessore alla Sanità al posto del rimosso Giulio Gallera.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Quanti vaccini sono stati consegnati e fatti? I dati Regione per Regione

A ‘Che Tempo che fa’ lei stessa ha illustrato il suo piano, che la porterà ad incontrare presto il commissario per la gestione dell’emergenza, Domenico Arcuri, ed a cercare di avere più dosi di vaccino da somministrare in tempi brevi in tutte le province lombarde. La stessa Moratti è dell’idea che bisognerebbe organizzare delle modalità volte a promuovere i vaccini contro il virus evidenziandone l’assoluta necessità e sicurezza.

Gestione cookie