Paziente Uno, trovato nuovo soggetto in Italia già a novembre 2019

Uno studio condotto dalla Università di Milano rende nota la presenza di un ‘Paziente Uno’ nel nostro Paese già alla fine del 2019.

paziente uno Italia
Novità su un nuovo Paziente Uno in Italia verso fine 2020 FOTO Getty Images

Emergono alcuni dati che riferiscono della presenza di un nuovo ‘paziente uno’. Lo fa sapere il professor Raffaele Gianotti dell’Università Statale di Milano in uno studio compiuto con Ieo e Centro Diagnostico Italiano. Le osservazioni, pubblicate sulla rivista specializzata di settore ‘British Journal of Dermatology’, mostrano i risultati di una biopsia della pelle condotta a causa di una dermatosi atipica risalente al 10 novembre 2019. Il paziente era una donna di 26 anni.

Leggi anche –> Cina Coronavirus, ispettori Oms a Pechino a caccia della verità

Gianotti rende noto che, sin dai primissimi casi, alcuni soggetti che avevano contratto il virus avevano sviluppato delle particolari lesioni a livello cutaneo. Un lavoro di ricerca effettuato dagli studiosi milanesi ha portato alla scoperta della biopsia in questione ben prima che si cominciasse a parlare di Coronavirus, sia in Italia che nel mondo. Qui erano spuntate tracce di Rna del virus SARSCov2. Ma ci sono anche altre condizioni analoghe, tutte risalenti all’autunno del 2019, per le quali non era arrivata alcuna spiegazione capace di spiegare queste lesioni della pelle.

Leggi anche –> Zona rossa Lombardia, Fontana lancia l’allarme: “Numeri terrificanti”

Paziente Uno, per Gianotti potrebbero esserci diversi casi anche di ottobre 2019

“Esistono delle situazioni per le quali i contagi di alcuni individui hanno mostrato un solo sintomo. Il quale consisteva in presenza di lesioni cutanee, con al massimo un leggero mal di gola. La donna, residente a Milano, aveva visto sparire tali segni sulla propria cute solamente ad aprile del 2020. Nel frattempo è sempre risultata asintomatica.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Ranieri Guerra, le accuse di Zambon: “Mi chiedeva di falsificare il piano pandemico

Secondo Gianotti, in giro ci devono essere diversi altri individui che presentano un decorso identico, con tutta probabilità anche antecedenti a novembre del 2019. Un altro studio aveva invece attestato la presenza del virus nelle acque reflue del Nord Italia a dicembre dello stesso anno.