Lombardia, firmato l’accordo tra la Regione e medici di famiglia per il vaccino

In Lombardia si è giunti ad un accordo tra la Regione e i medici di famiglia per eseguire i vaccini su base volontaria. 

In Lombardia i medici di famiglia aiuteranno nella campagna di vaccinazione anti-Covid. E’ stato siglato quest’oggi l’accordo tra la Regione e le organizzazioni sindacali principali dei medici di medicina generale. Il loro impegno sarà fornito su base volontaria.

Non appena sarà disponibile il vaccino di Moderna partirà l’impegno dei medici di famiglia, i quali avranno l’obiettivo di “arrivare a vaccinare entro fine ottobre circa 5 milioni in Lombardia“, ha dichiarato Fiorenzo Corti, il vicesegretario nazionale della Fimmg. “La Regione prevede che, su un totale di 18 milioni di inoculi del vaccino, 5 milioni siano fatti dai medici di famiglia entro fine ottobre“, ha aggiunto Paola Pedrini, la segretaria regionale della Fimmg Lombardia. Verranno seguiranno le stesse norme previste per la vaccinazione anti-influenzale e pertanto i medici di famiglia potranno somministrare i vaccini anti-Covid nei propri studi.

LEGGI ANCHE -> Vaccini, Arcuri spiega tutto: ecco il piano dettagliato, non siamo in ritardo

LEGGI ANCHE ->Infermiera addetta ai vaccini risulta positiva al Coronavirus

La Lombardia sigla l’accordo coi medici di famiglia

L’accordo siglato prevede che l’Ats monitori l’andamento della campagna vaccinale attraverso un confronto con il Comitato Aziendale, comunicandone i risultati alla Direzione Generale Welfare. A cadenza mensile, invece, l’Ats e il Comitato Aziendale definiranno il programma vaccinale, verificando le necessità rispetto al lavoro dei medici di famiglia.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

E’ stato previsto un fondo regionale di 1,5 milioni di euro per aumentare del 20% le ore del personale che si occuperà delle vaccinazioni e delle chiamate dei pazienti. In un secondo momento sarà previsto il recupero dei non responder, coloro che non hanno risposto alla prima chiamata o chi è scettico in merito al vaccino. I medici di famiglia potranno avvalersi delle cooperative operanti sul territorio regionale per le fasi di reclutamento, recupero dei non responder e per l’organizzazione dell’accesso.