Cade dal balcone, uomo muore mentre fugge dalla casa della vicina

Nel corso di un blitz dei carabinieri un uomo che non c’entra assolutamente nulla cade dal balcone e perde la vita perché spaventato.

uomo morto carabinieri
Un uomo morto dopo una caduta dal balcone nel tentativo di fuggire Foto dal web

Un uomo cade dal balcone e muore sul colpo dopo essere precipitato dalla balaustra della sua vicina di casa. Si tratta di un cittadino straniero originario dello Sri Lanka, che si era intrufolato in casa della donna di soppiatto. Ma l’arrivo improvviso della polizia lo ha spinto a fuggire in tutta fretta, proprio dall’esterno.

Leggi anche –> Maltrattamenti all’asilo, bimbi di neanche 5 anni vessati dalle maestre

Di colpo però questo individuo, un 36enne, ha perso l’equilibrio ed è caduto di sotto per diversi metri. Il fatto è accaduto di notte, il 5 gennaio scorso, in zona Due Ponti, periferia di Roma. La scoperta del cadavere era avvenuta dopo che i carabinieri avevano fermato un minorenne con addosso 20 grammi di cocaina. Dopo avere individuato il 17enne in questione, le forze dell’ordine hanno provveduto a fare scattare ulteriori controlli che le hanno portate all’appartamento dove è avvenuto il fatto. L’inquilina era una cittadina di 34 anni originaria della Repubblica Dominicana e che avrebbe fornito la droga all’adolescente.

Leggi anche –> Bruciata viva, mistero sulla morte di una 31enne nel suo giardino

Cade dal balcone, l’arrivo dei carabinieri lo spaventa: arrestata la padrona di casa

Da quanto risulta, l’uomo morto era incensurato, senza alcun precedente. Si trovava lì in quanto assunto come domestico dalla dominicana. L’arrivo dei carabinieri lo avrebbe spaventato e lo avrebbe portato a scappare dall’esterno cercando di non farsi individuare. Nel tentativo di raggiungere il suo appartamento, attiguo a quello dove è scattato il blitz, ecco però che è avvenuto il fatale incidete.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Ragazzo ucciso a 15 anni, l’amante 19enne temeva potesse parlare

La perquisizione si è conclusa regolarmente con il sequestro di dieci telefonini, che la 34enne impiegava per gestire il suo vasto spaccio di sostanze stupefacenti. Oltre ai dispositivi, i militari hanno trovato e posto i sigilli anche a quasi 6mila euro in contanti. Pure la donna è finita in manette e risulta attualmente in stato di detenzione all’intenro del carcere di Rebibbia. Per il minorenne colto in flagrante con la droga su di sé è arrivata invece una denuncia a piede libero.