WhatsApp, nuovi termini di servizio: chi non accetta non avrà più accesso

WhatsApp sta inviando ai suoi utenti i nuovi termini di servizio, questi andranno accettati entro l’8 febbraio per poter utilizzare l’app.

WhatsApp, la piattaforma di messaggistica istantanea più diffusa al mondo con oltre 2 miliardi di utenti, si sta modificando in modo da poter avere una maggiore connessione con Facebook. L’azienda, infatti, è stata acquistata dal colosso social nel 2014 per 20 miliardi di euro ed in questo 2021 l’intento della società di Zuckerberg è quello di fare in modo che i due social siano interconnessi tra loro. In questo modo Facebook può guadagnare ulteriori dati sugli utenti che possiedono entrambe le piattaforme e gli utenti possono usufruire di un’ecosistema interconnesso.

La notifica riguardante l’accettazione delle nuove norme sulla privacy non è facoltativa. L’azienda informa che gli utenti dovranno accettarla per poter continuare ad usufruire di WhatsApp. Chiunque possieda dunque la piattaforma di messaggistica istantanea avrà tempo fino all’8 febbraio per accettare le nuove condizioni oppure decidere di disinstallare l’applicazione dal proprio smartphone. Ecco cosa si legge nella nota dell’azienda: “Toccando ‘accetto’, accetti i nuovi termini e l’informativa sulla privacy, che entreranno in vigore l′8 febbraio 2021. Dopo questa data, dovrai accettare questi aggiornamenti per continuare a utilizzare WhatsApp. Puoi anche visitare il centro assistenza se preferisci eliminare il tuo account e desideri ulteriori informazioni”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

WhatsApp, cosa cambia accettando i nuovi termini di servizio

In una nota condivisa dall’azienda viene spiegato che il passaggio di dati da WhatsApp a Facebook riguarderà solamente gli account business: “Non ci saranno cambiamenti nella condivisione dei dati con Facebook in merito alle chat non business e alle informazioni sull’account e, per quanto riguarda la messaggistica aziendale, non stiamo imponendo agli utenti di condividere i dati”.

Leggi anche ->WhatsApp: un trucco per inviare le foto non compresse ad amici e parenti

L’azienda ha spiegato inoltre che per il momento non è prevista la condivisione di dati nella regione europea nemmeno per gli account business: “Non ci sono modifiche alle modalità di condivisione dei dati di WhatsApp nella Regione europea (incluso il Regno Unito) derivanti dall’aggiornamento dei termini di servizio e dall’Informativa sulla privacy”. In Europa, dunque, i dati WhatsApp degli utenti non saranno condivisi con Facebook per migliorare i prodotti o le pubblicità all’interno dei due social.

Leggi anche ->WhatsApp Web e Desktop: arriva la beta per chiamare e videochiamare

Gestione cookie