Infermiere negazionista, sui social scrive: “Se ci credi sei covidiota”

Un infermiere negazionista dà del “covidiota” a chi crede alla pandemia e parla di montatura. L’Ordine di cui fa parte interviene duramente.

infermiere negazionista
La Spezia infermiere negazionista FOTO Getty Images

Alla inaspettatamente lunga lista di coloro che pensano che la pandemia sia solamente una invenzione si aggiunge anche un infermiere negazionista. Fa impressione apprendere di come una persona che assiste quotidianamente con i propri occhi a tutto ciò che di grave sta accadendo nel mondo sia in realtà convinto di trovarsi nel bel mezzo di un complotto dei soliti ignoti.

Leggi anche –> Negazionisti Covid, fermano l’ambulanza in Porsche: “Fate solo finta”

Questo individuo lavora in ospedale a La Spezia e l’Ordine delle professioni infermieristiche è dovuto intervenire sanzionandolo dopo alcune gravissime esternazioni che proprio l’infermiere negazionista ha compiuto a mezzo social. Parole che adesso rischiano di renderlo disoccupato, visto che è a forte rischio espulsione. Questo personaggio ha scritto, testuali parole: “Il Covid è tutta una montatura e chi ci crede è un convidiota”. Un pensiero del tutto personale che fa specie e che cozza con quella che è la campagna di vaccinazione partita in Italia poco dopo Natale.

Leggi anche –> Dpcm, viola le norme per scalare una roccia: grave in ospedale e multata

Infermiere negazionista, ora rischia di restare senza lavoro

L’infermiere negazionista si è detto convinto del fatto che i potenti di turno abbiano fatto passare l’idea che la pandemia sia un qualcosa di sopravvalutato rispetto a quella che sarebbe la sua effettiva portata. “Lo fanno solo per spaventare la gente”. Una posizione che l’Ordine del quale il lavoratore sanitario fa parte non può tollerare, alla luce di quanto accade ogni giorno negli ospedali e nelle strutture sanitarie del mondo intero.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Farmacista negazionista distrugge 500 dosi di vaccino: “Fine del mondo”

Si teme ora che questo atteggiamento da parte dell’infermiere che nega la pandemia possano essere utilizzate in particolar modo sui social per cercare di delegittimare in qualche modo il vaccino. Che è invece uno strumento importantissimo per potere fare si che questa situazione finisca.