Paolo Villaggio, chi è il figlio Piero: la sua esperienza a San Patrignano

Conosciamo nel dettaglio la storia di Piero Villaggio, figlio di Paolo, che ha raccontato la sua esperienza unica a San Patrignano

Piero Villaggio

Netflix ha lanciato a partire dal 30 dicembre la nuova docu-serie SanPa: luci e tenebre di San Patrignano, con cinque episodi per raccontare la storia della comunità di recupero di San Patrignano fondata da Vincenzo Muccioli nel 1978, a Coriano, in provincia di Rimini. Anche il figlio di Paolo Villaggio, Piero, è stato in terapia per tre anni e così ha raccontato la sua esperienza ai microfoni di Mowmag: “È molto difficile far capire San Patrignano a uno che non ci è mai stato. La mia idea di quel posto ora non esiste più”. Poi ha aggiunto: “Io ci sono entrato nell’84 uscendovi tre anni dopo, ma tutto era molto diversi soprattutto nei primi anni. Poi ci sono andato sempre meno, ma so che è cambiata moltissimo, in tante cose”. Inoltre, ha svelato le differenze rispetto al passato: “L’aspetto logistico è cambiato  tantissimo. Quando andavo io, c’erano polvere d’estate e fango d’inverno. Le strade non esistevano, ora è molto più alla mano. Prima c’era Vincenzo, che si è occupato sempre di tutto con i pro e i contro del caso. Non c’era dialogo: ti doveva stare bene quello. Ho accettato, mi andava bene altrimenti sarei già morto”.

Leggi anche –> Paolo Villaggio: l’ultimo film dell’attore uscito postumo

Leggi anche –> Paolo Villaggio, chi era: vita, carriera, curiosità sul grande attore

Paolo Villaggio, il racconto su San Patrignano

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Successivamente lo stesso figlio di Paolo Villaggio si è soffermato sulla persona di Vincenzo Muccioli, che aveva dato vita a quel movimento in provincia di Rimini: “Era particolare con un grande carisma, ma aveva degli atteggiamenti a volte discutibili. Sono andato lì senza pagare nulla, mai una lira. In tante cliniche non ero riuscito a risolvere niente. L’essere violento forse per me era eccessivo: uno schiaffetto può essere benefico, massacrare una persona di botte forse anche no. Il contesto era molto particolare, è molto difficile da spiegare e capire senza esserci dentro, senza provare ad analizzare i motivi. Successivamente, nel 1983 Vincenzo Muccioli venne condannato per violenze, maltrattamenti e sequestro di persona, ma nel 1987 venne assolto anche dalla Corte d’Appello lo assolse, così come successe con la Cassazione nel 1990.

Piero Villaggio