Coronavirus, Franco Marini: ex presidente del Senato ricoverato

Dramma Coronavirus per il noto politico Franco Marini: ex presidente del Senato ricoverato a Rieti, ha 87 anni.

(screenshot video)

Si trova ricoverato all’ospedale di Rieti, l’ex presidente del Senato Franco Marini, politico di lungo corso: ha 87 anni e da quanto si apprende le sue condizioni sarebbero gravi, sebbene siano tenute sotto controllo. Il noto politico è tenuto in respirazione assistita e sotto terapia farmacologica al San Camillo de Lellis.

Leggi anche –> Ricciardi furioso: con queste misure nuova ondata inevitabile

Secondo quanto si apprende, l’ex esponente della corrente politica di Forze Nuove, interna alla Democrazia Cristiana, ed ex ministro del lavoro nel settimo governo guidato da Giulio Andreotti, non sarebbe in pericolo imminente di vita. Si attende comunque da parte dell’ospedale un comunicato sulle sue condizioni di salute.

Leggi anche –> Vaccino Covid, gravi ritardi per ferie dei medici e disorganizzazione

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Chi è Franco Marini, ex presidente del Senato

Responsabile organizzativo della Democrazia Cristiana, guidata da Mino Martinazzoli e in piena crisi a causa del crollo della Prima Repubblica, Franco Marini ha raccolto quell’eredità fondando il Partito Popolare Italiano, del quale ne divenne segretario nel 1997 succedendo a Gerardo Bianco. Pur sottolineando l’autonomia del PPI, contribuì all’adesione alla coalizione dell’Ulivo, all’epoca guidata da Romano Prodi. Dopo l’elezione a europarlamentare nel 1999, lasciò la segreteria in favore di Pierluigi Castagnetti.

Qualche anno dopo, non contrastò il processo di nascita della Margherita, come ala centrista della coalizione ulivista e ne divenne responsabile organizzativo. Sostenne – al fianco di Francesco Rutelli – la necessità della Margherita di presentarsi da sola al proporzionale. Nel 2006, arrivò la sua elezione al Senato e successivamente al termine di un voto thrilling, venne eletto il 29 aprile 2006 presidente del Senato. Concluse il mandato di presidente di Palazzo Madama il 28 aprile 2008, a seguito della fine anticipata della legislatura. Più volte venne fatto il suo nome come possibile presidente del Consiglio di larghe intese o tecnico. Aderente al Partito Democratico, nel 2013 il suo nome venne proposto come Presidente della Repubblica, ma sebbene supportato da una larga coalizione non ottenne i voti necessari.

Gestione cookie