Chi è Francesca Cavallo, la famosa scrittrice: età, foto e carriera

Francesca Cavallo è una talentuosissima scrittrice di successo. La donna è anche un’imprenditrice e attivista. 

La Cavallo è una scrittrice di bestseller e il suo nome ha cominciato a farsi largo grazie alla serie “Good Night Stories for Rebel Girls“.

La sua mirabolante carriera l’ha portata lontano dalla sua Taranto e dall’Italia per raggiungere la California.

Francesca Cavallo: un successo nella storia dell’editoria

Classe 1983, la scrittrice si laurea in scienze umanistiche e della comunicazione a Milano e poi alla scuola d’arte drammatica a Bologna. La sua carriera vanta un grandissimo successo editoriale dato dalla vendita di ben 4 milioni di copie nel mondo. Il libro “Storie della buonanotte per bambine ribelli“, scritto con Elena Favilli, è stato tradotto in 30 lingue.

Leggi anche -> Imma Tataranni tratta dai libri di Mariolina Venezia: chi è la scrittrice di Matera

Quello che ha reso il tutto ancora più spettacolare è che è stato finanziato tramite il crowdfouding. Nel 2016 avevano chiesto 40 mila dollari per stampare le prime 1000 copie, ma dopo meno di un mese riuscì a raccogliere ben 678mila dollari. Questo fu un vero e proprio record: la campagna di raccolta fondi più proficua nella storia dell’editoria.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La carriera di Francesca Cavallo inizia nel 2010, anno in cui partecipa al bando “Principi attivi” della Regione Puglia. Successivamente realizza il festival di immaginazione sostenibile Sferracavalli. Due anni dopo arriva il trasferimento a San Francisco per cercare finanziamenti  per il Timbuktu Labs, un laboratorio di innovazione dei media per l’infanzia.

Leggi anche -> Luis Sepulveda, chi era: libri, attività politica e vita privata dello scrittore

Un vero e proprio modello di tenacia e forza. Una donna che non si è arresa alle difficoltà, ma che ha continua a inseguire i suoi sogni. “Bisogna poter provare, agire, sperimentare e sbagliare. Solo stando fermi si ha l’illusione di non sbagliare ma stare fermi è il primo errore, quello più groppo che uno può fare; molto spessi si ha paura di iniziare a fare le cose perché non si vuole restare delusi”. Queste sue parole sapranno di certo incoraggiare chiunque stia inseguendo i propri sogni.