Leroy Gomez, chi è il cantante dei Santa Esmeralda che conquistò gli anni ’70

Hanno fatto sognare tutto il mondo con la loro versione di “Don’t let me be misunderstood”. Ecco chi è il cantante dei Santa Esmeralda, Leroy Gomez.

Sfornare hit mondiali e intramontabili non è proprio da tutti. Ma sicuramente lo hanno fatto i Santa Esmeralda quando, nel 1977, il mondo intero ballava sulle note della loro “Don’t let me be misunderstood“. Il brano, originariamente scritto per Nina Simone, è stato magistralmente reinterpretato dal gruppo franco-statunitensen portandolo in cima alle classifiche internazionali. Indimenticabile il frontman dei Santa Esmeralda, Leroy Gomez. Ecco tutto quello che sappiamo su di lui.

Leroy Gomez, chi è e cosa ha fatto

Gomez è nato a Wareham, un comune degli Stati Uniti nel Massachusetts, l’8 luglio 1950 ed è ricordato da tutti per essere stato il cantante e frontman dei Santa Esmeralda, celebre gruppo anni ’70. Leroy ha origini portoghesi e ha iniziato la sua carriera musicale come sassofonista nei Tavares, celebri rivali della band di Lionel Ritchie.

Leggi anche–> Britney Spears, addio alla musica: la clamorosa voce sulla cantante

Un inizio, insomma, non in prima linea bensì nelle retrovie. Leroy ha iniziato a farsi conoscere di più quando è diventato sassofonista di Elton John, una collaborazione che gli ha fruttato un grande successo. Tuttavia, la consacrazione definitiva è arrivata quando, a Parigi, ha conosciuto gli altri due componenti di quelli che sarebbero poi diventati i Santa Esmeralda.

Leggi anche–> Gianni Togni, che fine aveva fatto il cantante di “Luna”

Sulla nascita della loro hit “Don’t let me be misunderstood”, Leroy ha dichiarato: “Per me le chiavi che più delle altre hanno influito sul successo della canzone sono state l’arrangiamento di Don Ray (Raymond Donez), la chitarra flamenca di Jose Suc e il lavoro di chitarra elettrica di Slim Pezin. Tutti gli altri musicisti erano fantastici, ma questi elementi mi hanno dato l’ispirazione per riordinare la melodia di questo classico di Nina Simone e degli Animals. Il beat di flamenco era così diverso dall’originale che mi sono sentito libero di cantare la canzone a modo mio, creando quindi una nuova melodia.