Donna morta, corpo trovato in un container: c’è un sospetto

È in corso nel più stretto riserbo una inchiesta che riguarda il ritrovamento del cadavere di una donna morta, col corpo trovato in una zona isolata.

donna morta Busto Arsizio
Si indaga sul caso di una donna morta a Busto Arsizio FOTO Getty Images

Gli agenti di polizia di stanza a Busto Arsizio, in provincia di Varese, hanno ritrovato il corpo di una donna morta. Il cadavere si trovava all’interno di un container in una zona isolata della località lombarda. Chiara prova di come qualcuno l’abbia nascosto lì. La vittima è stata già identificata.

Leggi anche –> Italiano morto in Spagna: Diego, 33 anni, travolto da onda anomala

Si tratta di una persona di origine estera, presumibilmente senza fissa dimora. Si sta radicando in maniera forte la convinzione, negli inquirenti ai quali è affidato questo caso, che il decesso di questa persona sia maturato all’interno della locale comunità di persone senzatetto. E con tutta probabilità c’entrano anche gli abusi di droga e di alcolici. La Procura di Busto Arsizio presiede le indagini, con la raccolta degli indizi ancora in corso. L’età apparente della donna morta si aggira intorno ai 50 anni. Il luogo del ritrovamento del corpo è noto proprio per essere in preda al degrado e ritrovo abituale di clochard e tossicodipendenti.

Leggi anche –> 18enne muore di Covid all’improvviso: “L’ha divorata in 3 giorni”

Donna morta, le autorità stanno indagando sin da metà dicembre

Ma il delitto, perché c’è la ferma convinzione che si tratti di questo, non è recente e risale allo scorso 13 dicembre. Solo che le forze dell’ordine hanno preferito non fare trapelare la notizia per non pregiudicare il corso delle indagini. L’esame autoptico svolto sul cadavere ha portato alla luce la presenza di diverse ferite riconducibili ad un pestaggio.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Frana Norvegia, case sbriciolate in pochi secondi: il VIDEO pauroso

Il cerchio si starebbe stringendo in particolare attorno ad una persona, che in base anche ad alcune testimonianze, avrebbe frequentato per un certo periodo la vittima. Anche se al momento manca ancora una accusa formale. Si attendono ulteriori aggiornamenti.