Riaperture scuole, c’è l’ok del Cts: “Non sono luoghi pericolosi”

Tutto pronto per le riaperture delle scuole superiori: è arrivato l’ok del Comitato Tecnico scientifico dopo l’ultima riunione

Ritorno scuole

Dopo diversi mesi, è tutto pronto per la riapertura delle scuole superiori come riportato dal portale “Orizzonte Scuola“. Nell’ultima riunione è arrivato l’ok del Cts, che dopo le valutazioni dell’Ue, non sono considerati luoghi pericolosi per il contagio. Alcune regioni e città sono già pronte a ripartire con un piano ben preciso a partire dal 7 gennaio. Attraverso un comunicato il Ministero ha svelato che bisogna organizzarsi in base al 50% invece del 75% come inizialmente si era deciso.

Leggi anche –> Scuole, le regole per la riapertura del 7 gennaio: 50% degli studenti e orari scaglionati

Leggi anche —> Riapertura scuole, decisa la data definitiva: parla il Ministro

Riaperture scuole, non si va oltre il 50%

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale  CLICCA QUI

Oggi la circolare del capo di Gabinetto del ministero dell’Interno, Bruno Frattasi, svela che la capienza del 50% andrà rispettata da tutti: non si potrà questo limite. Nei giorni scorsi sono arrivate altre dichiarazioni del governatore della Campania, Vincenzo De Luca, che ha rivelato cosa farà: “Sentire parlar di riaperture delle scuole il 7 gennaio, mi fa impazzire. Come si fa a dire ‘si apre’ senza verificare il 3, il 4 gennaio la situazione? In Campania non apriamo tutto il 7″. Poi ha aggiunto: “Bisogna valutare i dati e l’idea di mandare a scuola il 50% degli studenti: la Campania non la condivide”. Così ogni Regione cercherà di andarci con i piedi di piombo dopo l’esperienza dello scorso settembre. La situazione contagi è sempre in bilico: basta poco per cambiare completamente tutto soprattutto perché si tratta di luoghi chiusi in pieno inverno. Le scuole è il primo passo.

Scuole ritorno superiori

Gestione cookie