Morto Marcus D’Amico, il celebre attore aveva solo 55 anni

E’ morto Marcus D’Amico, l’attore che ha interpretato Michael Mouse Tolliver nella miniserie tv Tales of the City. Aveva solo 55 anni.

Marcus D’Amico, l’attore noto per aver dato vita a Michael “Mouse” Tolliver nella serie televisiva Tales of the City, è morto il 16 dicembre nella sua casa nell’Oxfordshire, in Inghilterra. Aveva 55 anni. La sua morte è stata annunciata da sua sorella Melissa D’Amico. Patrick Baca, il suo ex manager, ha spiegato che la causa è stata una polmonite bronchiale.

Addio a Marcus d’Amico: gli elogi per Tales of the City

Marcus D’Amico, nato in Germania ma cresciuto nel Regno Unito, ha avuto una carriera teatrale di successo a Londra. Nel 1992 l’attore ha interpretato Louis nella produzione di Tony Kushner’s “Angels in America” del National Theatre, e la performance gli è valsa una nomination all’Olivier Award come miglior attore. D’Amico ha diviso il suo tempo e la sua carriera tra Los Angeles e Londra, dove nel 2004 si è unito al cast di Mamma Mia!

Potrebbe interessarti leggere anche —> Jessica Simpson dimagrita, la cantante è un’altra: “Che impresa” 

La miniserie Tales of the City è stata presentata per la prima volta in Regno Unito nel 1993 su Canale 4, e poi trasmessa negli Stati Uniti su PBS. La serie era un adattamento dei romanzi di Armistead Maupin sui variopinti personaggi della comunità LGBT di San Francisco, ed è stata una vera e propria rivoluzione in ambito cinematografico. Il personaggio di Mouse, interpretato da Marcus appunto, è stato elogiato in modo particolare per aver offerto ritratti insolitamente accurati dell’esperienza LGBT.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI!

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Patrick Baca, CSA (@castingbypatrickbacacsa)

Melissa D’Amico, straziata dalla perdita del fratello, ha scritto su Twitter: “Non solo ho perso il mio bellissimo fratello, ma il mondo ha perso un attore e un regista di grande talento. Le parole non possono esprimere quanto mi manca”.