Forrest Gump, differenze principali tra libro e film: cosa cambia

Il capolavoro di Robert Zemeckis torna in tv questa sera su Italia 1. Ma il film di Forrest Gump è proprio uguale al romanzo? Ecco tutte le differenze.

Gli amanti della lettura sanno sempre come puntualizzare quanto la versione cinematografica dei loro romanzi preferiti non abbia rispettato questa o quell’altra cosa. I fan del romanzo di Winston Groom da cui è tratto “Forrest Gump”, pelliccola capolavoro degli anni ’90, non sono da meno! In occasione della messa in onda del film, questa sera in prima serata alle 21,30 su Italia 1, ecco tutte le differenze tra il libro e la sua versione sul grande schermo.

Forrest Gump, cosa cambia da libro al film?

Il romanzo di Winston Groom, scomparso di recente, è stato pubblicato nel 1986 circa dieci anni prima del film di Robert Zemeckis con protagonista Tom Hanks. Com’è normale che sia, tra le due versioni ci sono diverse differenze, alcune molto curiose.

Leggi anche–> Forrest Gump, trama, cast e anticipazioni del film di Italia 1

Tra le prime differenze che saltano all’occhio è l’assenza, nel romanzo, di una delle battute più iconiche non solo del film, ma della cinematografia mondiale. Nel libro, infatti, non c’è traccia di “la vita è come una scatola di cioccolatini, non sai mai cosa ti capita“. Un’altro elemente che questa volta, invece, è stato omesso nella versione cinematografiche è una scena, presente nel libro, in cui Forrest fuma erba dopo aver suonato l’armonica, assieme all’amata Jenny. Una pratica assolutamente diffusa, soprattutto in quegli anni, ma che andava certamente contro la morale statunitense in materia di droghe leggere.

Leggi anche–> Luke Perry, il figlio di Tom Hanks: “Ci incontrammo in aereo e furono subito applausi”

Un altro particolare “censurato” nella pellicola di Zemeckis è stata l’ottima performance sessuale di Forrest alla sua prima volta con Jenny. Nel libro, è descritto come Forrest soddisfi a pieno l’amica di infanzia sotto le lenzuola, tanto che, dopo l’atto, lei si chiede dove sia stato per tutta la sua vita.

Chi legge il romanzo dopo la visione del film, inoltre, forse storcerà il naso per l’assenza di un’altra scena iconica: la corsa forsennata di Forrest, che rompe i tutori alle gambe. Nel libro la cosa è completamente assente, anche perché il protagonista non è malato di poliomelite come nella pellicola.