Salvo Veneziano critica Alfonso Signorini: “Stendiamo un velo pietoso”

Salvo Veneziano, le critiche ad Alfonso Signorini pubblicate su Instagram sconvolgono i fans: il conduttore sta davvero perdendo colpi?

Salvo Veneziano, ormai ex concorrente del Grande Fratello VIP, dopo essere stato squalificato dalla quarta edizione del reality per via di alcune frasi sessiste pronunciate all’interno della casa su Paola Di Benedetto ed Elisa De Panicis, ha deciso di “vendicarsi”. Il “VIP” ha usato il suo profilo Instagram per scagliarsi duramente contro Alfonso Signorini e gli opinionisti Antonella Elia e Pupo. Salvo ha detto la sua anche sulla mancata squalifica di Samantha De Grenet dal gioco.

Salvo Veneziano, le Instagram stories contro Alfonso Signorini lasciano i followers senza parole

Salvo Veneziano ha inaspettatamente pubblicato una serie di Instagram stories inaspettate sul suo profilo privato. Criticando duramente il trio ingaggiato alla conduzione del Grande Fratello VIP 5, ha detto: “Pupo va subito nominato presidente della Repubblica, Antonella Elia dovrebbe essere più silenziosa quando parlano gli altri. Vabbè, sul conduttore del GF, Alfonso Signorini, stendiamo un velo pietoso”.

Potrebbe interessarti leggere anche —> Grande Fratello, Maria De Filippi rimprovera Tommaso: “Non mi piacevi”

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Salvo Veneziano (@salvovenezianoofficial)

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI!

In un’altra story Salvo ha rimproverato Alfonso Signorini e tutto il team del Grande Fratello per non aver squalificato Samantha De Grenet, nonostante alcune frasi pronunciate all’interno della Casa nei confronti di Stefania Orlando sono state accusate di istigazione alla violenza dal popolo del web. L’ex concorrente ha detto: “Samantha e il ‘ti uccido’… Alfonso: ‘Dai non essere triste, vai avanti, sei grande Samantha!’. Caro Alfonso, ti do un consiglio, fai meno preferenze. Perché stai esagerando e inizi a stare sulle palle a  tutti”. Insomma, parole molto dure che sicuramente non tarderanno ad arrivare alle orecchie dei diretti interessati.