Gigi Marzullo, chi era il fratello Enzo Maria morto a soli 41 anni: la sua triste storia

Gigi Marzullo, il gravissimo lutto vissuto nel 2003: il fratello Enzo Maria morto a soli 41 anni per un motivo davvero devastante.

Gigi Marzullo e la sua camicia a righe sono ormai uno dei simboli della televisione italiana. Luigi, nato ad Avellino il 25 luglio del 1953, è approdato per la prima volta in Rai nel 1983 e ancora oggi ha un ruolo da protagonista in diversi programmi. Sulla sua vita privata e familiare non si sa molto, ma a inizio marzo del 2003 la vita del giornalista è stata sconvolta da un terribile e inaspettato lutto.

Gigi Marzullo, la perdita del fratello nel 2003

Diciassette anni fa Gigi Marzullo ha dovuto affrontare la morte improvvisa del fratello Enzo Maria. L’uomo aveva 41 anni ed è stato trovato morto nel suo appartamento in periferia di Roma nord. Secondo gli accertamenti fatti dalla guardia medica e dal medico legale, immediatamente intervenuti sul posto, Enzo Maria sarebbe morto dopo aver assunto sostanze stupefacenti. Nell’appartamento del fratello del giornalista sono state trovate diverse dosi di eroina e di metadone, sia in bagno che nella camera da letto.

Potrebbe interessarti leggere anche —> Gigi Marzullo, chi è: età, carriera e vita privata del conduttore

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI!

A trovare il corpo senza vita di Enzo Maria sono stati i Vigili del Fuoco, avvisati verso la mezzanotte dai familiari preoccupati del suo silenzio. Intervistato sull’episodio da Caterina Balivo, Gigi ha raccontato: “Mio fratello aveva solo 41 anni, godeva la sua vita, amava la sua vita anche se a volte esagerava. Io gli dicevo che ho paura della morte, lui mi diceva che aveva paura di vivere, non della morte”. Anche i genitori Marzullo ne sono rimasti sconvolti: “Mia madre ha saputo reagire un po’ meglio tenendo presente interiormente il suo dolore, mio padre voleva ogni giorno andare al cimitero a salutare suo figlio” ha raccontato Gigi. “La sua preoccupazione era di seguire suo figlio e diceva ‘Appena muoio portami subito da Enzo”.