Coronavirus, Spadafora è categorico: “Niente tifosi sugli spalti”

Il ministro dello Sport Spadafora chiude alla possibilità di vedere gli spalti degli stadi gremiti per questa stagione.

Il desiderio di tutti gli italiani è quello di poter tornare alla normalità, a fare ciò che più piace senza limitazioni. Questo obiettivo, però, è raggiungibile a piccoli passi e bisognerà ancora attendere. Questo è il messaggio di fondo che ha voluto dare il ministro dello Sport Spadafora per quanto riguarda la ripresa delle attività sportive entro la fine di gennaio. In molti, infatti, vorrebbero tornare a fare un attività sportiva in piscina o in palestra, e probabilmente, seppur con delle limitazioni, potrà tornare a farlo alla fine del prossimo mese.

Ospite di Agorà su Rai Tre, Spadafora ha voluto lanciare un messaggio di speranza, anche se è cosciente che è ancora presto per poter dire con assoluta certezza che gli obiettivi prefissati potranno essere raggiunto. Riguardo l’apertura delle attività, infatti, il ministro dello Sport ha dichiarato: “Sono convinto che i generale a fine gennaio l’attività sportiva, e anche l’attività sciistica, seppur con delle limitazioni, potranno riprendere”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Coronavirus, Spadafora chiude per il momento ai tifosi sugli spalti

Bisognerà dunque attendere i dati della curva epidemiologica prima di poter prendere una decisione in tal senso, nel frattempo il governo continuerà a fornire i ristori ai lavoratori colpiti dalle chiusure: “I ristori sono doverosi verso la montagna, a gennaio faremo un ulteriore decreto. Sicuramente finché terremo chiuse una serie di attività dovremo rispondere assolutamente con i ristori”.

Leggi anche ->Claudia Alivernini, minacce dai no vax: “Dai che adesso muori”

Meno ottimista è invece per quanto riguarda il ritorno del pubblico ai grandi eventi sportivi. Il problema in questo caso non è tanto la limitazione dei posti (meccanismo che potrebbe funzionare all’interno degli impianti per evitare i contagi), ma la gestione dei flussi: “Il tema che all’interno di uno stadio da 60mila posti non sia un problema averne 20mila è relativo, avere tutta questa gente che va nella stessa direzione nello stesso orario significa dover fare una serie di controlli, intensificare il sistema dei trasporti: significa gestire una macchina che in questo momento non è prioritaria”.

Leggi anche ->Terza ondata, il fisico Battiston pessimista: perché avverrà presto