Dolceacqua, l’incantevole borgo della Liguria famoso per Monet

A spasso per la Liguria, in provincia di Imperia ecco sorgere Dolceacqua, il borgo della Liguria famoso per il grande Monet

Dolceacqua borgo Liguria Monet

In Liguria c’è un borgo incantevole di cui si innamorò anche il grande pittore francese Monet. Questo borgo si chiama Dolceacqua ed è facilmente raggiungibile. Una tappa obbligata per chi si trova a passare in zona, ma anche una destinazione ideale per una gita.

I borgo di Dolceacqua si trova in provincia di Imperia ed ha raggiunto fama in tutto il mondo per le opere di Monet. Dolceacqua è un borgo meraviglioso, un gioiello della Liguria ed è uno dei suoi borghi più belli da vedere in inverno.

Il borgo ligure presenta una parte molto antica dominata dal Castello e rinominata “borgo antico” ed una parte più moderna chiamata semplicemente “il borgo”.

Leggi anche -> I borghi più belli d’Italia da vedere almeno una volta <<

Perché visitare Dolceacqua in Liguria, il borgo amato da Monet

L’Italia è disseminata di borghi bellissimi, fra quelli a picco sul mare, a quelli di montagna, fra paesini che sembrano miniature medioevali a quelli aspri e solitari. Ce ne sono davvero tanti e ogni borgo d’Italia è un salto nel passato, nell’arte, nella storia e nelle tradizioni.

Dolceacqua oltre a tutto ciò vi farà fare anche un salto nei quadri di Monet. Già perché il grande pittore impressionista francese frequentava questo borgo e qui trasse ispirazione per alcuni suoi quadri.

Visitare Dolceacqua dunque significa vedere dal vivo quello che finora avete avuto la fortuna di vedere in tela o su un libro. Vuol dire assaporare un fascino senza tempo e di estrema bellezza.

L’origine del nome Dolceacqua

Numerosi i misteri che si celano dietro l’origine del nome. Per alcuni studiosi, il nome ha origini antiche e deriva dal latino “villa dulciaca”, trasformato poi in “Dusaiga”, attuale forma dialettale, o in “Dulcisacqua” come viene anche denominato nei primi documenti ufficiali.

Per altri studiosi, il termine deriverebbe dai celti che avrebbero chiamato il borgo “Dussaga”, modificato successivamente in “Dulsàga” ed infine in “Dolceacqua”.

Il Castello dei Doria

Dopo aver percorso le meravigliose stradine labirintiche di Dolceacqua, raggiungerete il giardino del Castello dei Doria e ammirate il panorama dall’alto.

La visita del castello vi darà l’opportunità di scoprire da vicino il borgo ligure, la sua storia, il territorio, i prodotti tipici e le tradizioni antiche. Inoltre, se siete fortunati potrete partecipare ad un evento culturale e ad un’esposizione artistica.

Monet e Renoir a spasso per il borgo

Dolceacqua, Monet Dolceacqua borgo Liguria Monet
Dolceacqua, Monet

Era il 1883, quando Monet e Renoir visitarono per la prima volta la Riviera. Monet rimase talmente affascinato dal borgo ligure che non solo tornò per visitarla di nuovo, ma raffigurò il borgo in quattro opere, oggi sparse in tutto il mondo.

Girovagando per il borgo troverete affisso anche un cartello di legno con incise le parole che Monet scrisse su Dolceacqua.

Le parole di Monet su Dolceacqua Dolceacqua borgo Liguria Monet
Le parole di Monet su Dolceacqua

Cosa mangiare a Dolceacqua

Numerosissimi i piatti tipici che potrete assaggiare. Come antipasti vi suggeriamo i barbagiuai, fagottini ripieni di zucca fritti nell’olio e l’erbun, una torta salata di polenta, latte e zucca. Come primi piatti non lasciatevi scappare i ravioli c’u pesigu’ o gli gnocchi de pan. Non dimenticate i secondi piatti, Cuniu, il coniglio cucinato alla ligure, il cartelètu o lo stucafì.

Non dimenticate di sorseggiare il Rossese di Dolceacqua e di fare colazione con la Michetta.