Raffaella Carrà infelice: la rivelazione ad Alberto Matano

Raffaella Carrà è energia fatta persona. Eppure, anche una donna forte, tenace e briosa come lei confessa di essere provata in questo periodo così difficile.  

Anche se non la si vede più molto spesso in televisione, Raffaella Carrà è resterà per sempre la regina della televisione italiana. Non solo: la celebre conduttrice, ballerina e showgirl è energia, tenacia, allegria fatte persona. Per questo motivo, e non solo, la sua confessione nella puntata di oggi de La vita in diretta, a colloquio telefonico con Alberto Matano, ha colto molti di sorpresa e destato una certa preoccupazione a casa e in studio.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Quel velo di tristezza sul volto di Raffaella Carrà

“Va abbastanza bene, ma non benissimo” è stata la triste confessione di Raffaella Carrà ad Alberto Matano. Anche lei, come tutti, risente evidentemente del periodo ancora complicatissimo che stiamo attraversando a causa della pandemia. Ciò nonostante, però, la Raffaella Nazionale nel proseguo della conversazione ha voluto inviare un messaggio di speranza e responsabilità a tutti gli italiani in ascolto.

Leggi anche –> Maradona doveva usare il condom, le parole choc di Raffaella Carrà 

Leggi anche –> Raffaella Carrà boccia La vita in diretta: “Ecco di chi è la colpa” 

Leggi anche –> Alberto Matano, l’incidente live a ‘La Vita in Diretta’

“Dobbiamo per forza vedere in ogni momento del giorno questi aghi che entrano nelle braccia delle persone? Perché? Quello fa paura e dà angoscia”, si è sfogata Raffaella Carrà, precisando però subito, a scanso di equivoci, di essere favorevolissima alla vaccinazione. “Farò il vaccino per ritrovare la libertà”, ha annunciato, e perché “ho visto troppe persone, anche qualche amico, che ha sofferto tantissimo per combattere il Coronavirus… Mi aspettavo un anno bello ma è stato cattivissimo”. Brividi e applausi. “Grazie per questo regalo: ti voglio ringraziare pubblicamente” ha concluso un emozionatissimo Alberto Matano.