Milano, risveglio sotto la neve: scatta il piano d’emergenza

La città di Milano si è svegliata quest’oggi ricoperta dalla neve: scattato il piano d’emergenza per permettere la circolazione in sicurezza.

Come da previsione metereologica, quest’oggi Milano e tutta la Lombardia si sono svegliate ricoperte da un sottile strato di neve. I fiocchi sono caduti durante la notte e continuano a cadere anche in queste ore e pare che la debole nevicata continuerà almeno fino a mezzogiorno. Attualmente non sono stati riscontrati gravi disagi o problematiche per la popolazione lombarda, la neve che ha ricoperto le strade, infatti, è alta solamente pochi centimetri.

Tuttavia, come accade sempre in questi casi, è stato attivato il piano di emergenza per evitare che le vie di trasporto di riempiano totalmente di neve rendendo impossibile la circolazione dei mezzi. Dalle prime ore della mattina, infatti, sono stati attivati i mezzi spargisale per fare sciogliere la neve e rendere maggiormente sicura la circolazione dei mezzi pubblici e privati.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Milano: attivato il piano d’emergenza per la neve

L’azione di pulizia delle strade si è concentrata sui cavalcavia e sugli imbocchi alla tangenziale e all’autostrada. Sono queste le zone in cui c’è il maggiore traffico, poiché sono le arterie di spostamento utili ai mezzi di trasporto e chi in questi giorni deve lavorare. Ovviamente i mezzi spargisale si sono concentrati anche quelle se che sono le tratte principali dei mezzi pubblici.

Leggi anche ->Scuola, tutti in classe il 7 gennaio: arriva il piano della ministra dei trasporti De Micheli

La neve ha colpito anche le principali città lombarde, motivo per cui i vari comuni hanno invitato la cittadinanza a non muoversi se non per spostamenti indispensabili (oggi siamo in giorno arancione ed è possibile spostarsi all’interno dei comuni di residenza). Il Comune di Como ad esempio ha diramato il seguente comunicato: “Evitare gli spostamenti non indispensabili, in modo da agevolare chi deve uscire per lavoro, e a rimandare le attività sportive all’aperto, considerare che in caso di infortunio gli ospedali sono già in sofferenza a causa della pandemia”.

Leggi anche ->Piogge e maltempo in arrivo: peggiora nel weekend