Marcello Ianni, l’anziano è scomparso pochi giorno dopo la moglie senza saperlo

Marcello Ianni, il compagno di Andreina è morto poco tempo dopo di lei. Non sapeva della scomparsa della moglie.

Marcello Ianni, 75 anni, non ce l’ha fatta ed è morto di Covid-19 un mese dopo della moglie Andreina, anche lei scomparsa a causa del terribile virus. Marcello è morto ieri mattina all’ospedale di Giulianova, da solo: dopo un primo risultato negativo, sembrato improbabile ai medici, i dottori che seguivano Marcello hanno deciso che l’uomo era da considerare ancora positivo, e così non gli hanno permesso di vedere i familiari. La salma di Ianni sarà trasferita nella casa funeraria Gerardini oggi alle 14:00, mentre i funerali si svolgeranno domani mattina nella chiesa di San Flaviano.

Marcello Ianni raggiunge la moglie, una vita passata insieme

Amici e familiari ricordano con affetto la bottega artigiana della coppia: dove regalava sempre la musica e l’allegria, oggi resta solo un dolore immenso. Nella bottega di Ianni si producevano l’organetto tipico abruzzese e le fisarmoniche, che la famiglia ha esportato in tutto il mondo. Marcello ed Andreina hanno sempre lavorato fianco a fianco, fino a quando sono scomparsi insieme, a poca distanza l’uno dall’altro.

Potrebbe interessarti leggere anche —> Vigile del fuoco morto, incidente improvviso fatale durante un intervento

Il figlio Armando ha raccontato: “Abbiamo potuto parlare con lui in videoconferenza, ogni volta ci chiedeva di mamma. Non sapeva della sua scomparsa, gliel’abbiamo sempre taciuto. Ci guardava un po’ perso, cercava la moglie e l’ultima volta che siamo stati in video non ce la faceva a parlare e allora gli hanno detto di scrivere e ha digitato solo tre lettere “mam”. E’ chiaro che anche lì voleva chiederci della moglie”. Un silenzio scelto per salvaguardare la tranquillità dell’uomo, già devastato dall’isolamento in ospedale.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI!

Marcello sembrava avere possibilità di sopravvivenza, ma poi la situazione è degenerata all’improvviso. “È stato uno strazio perché in questi lunghi 39 giorni, a volte ci è sembrato di capire che ci fosse un qualche miglioramento, perché non lo hanno mai intubato né trasferito in rianimazione”, ha raccontato Armando. Ma le condizioni di salute del padre si sono aggravate improvvisamente la vigilia di Natale, togliendogli la vita. E’ bello pensare che adesso Marcello e Andreina sono di nuovo insieme, per l’eternità.