Il 28 dicembre del 1895 nasceva il Cinema: chi erano i fratelli Lumiere

Il 28 dicembre 1895 venne trasmessa la prima pellicola in una sala cinematografica, dando inizio alla fortunata storia del Cinema.

In ambito accademico c’è stata una lunga discussione su chi sia stato il padre della cinematografia. Pare che il primo ad inventare il Cinematografo sia stato l’inventore francese Léon Bouly, tuttavia il primo a contestualizzare l’invenzione come mezzo per trasmettere le immagini in movimento in una sala è stato Louis Lumière, il quale brevettò il cinematografo insieme al fratello Auguste nel 1894.

Successivamente i due talentuosi fratelli girarono il primo vero film della storia sempre nel 1894, L’uscita dalle officine Lumière. La pellicola venne trasmessa per la prima volta alla sala cinematografica Eden il 28 dicembre del 1895. Per 10 anni i fratelli Lumière furono i diffusori di questa innovativa tecnica di registrazione delle immagini in movimento. I loro film erano ciò che oggi chiameremmo delle tech demo, ovvero delle prove dimostrative di ciò che era possibile fare con il cinematografo.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Chi erano i fratelli Lumière

Nati a Besançon, i fratelli Lumière erano i figli di un famoso fotografo francese. Cresciuti nello studio del padre, i due ereditarono dal genitore la passione per le immagini e cominciarono a lavorare insieme sin da giovanissimi ad uno strumento che permettesse di creare l’illusione del movimento. Il loro cinematografo, infatti, era uno strumento in grado di scattare e mostrare le fotografie in rapida sequenza. Fondamentale per questa loro invenzione fu la tecnica del foro di trascinamento, ovvero ciò che permetteva di proiettare le immagini in rapida sequenza.

Leggi anche ->Morto Claude Brasseur, “papà” di Sophie Marceau al cinema

Una volta perfezionata e brevettata l’invenzione, i fratelli Lumière diedero vita alle vedute animate, ovvero delle proiezioni in cui mostrare le capacità del cinematografo. Tali vedute erano delle dimostrazioni finalizzate alla vendita dello strumento che avevano ideato. Dopo aver venduto numerosi apparecchi in tutto il mondo, creando di fatto la professione dei cinematografisti, nel 1907 i due diressero la loro attenzione alla fotografia a colori poiché ritenevano che il Cinema non avesse futuro. Contrariamente a quanto pensavano, invece, fu proprio in quegli anni che nacquero le prime scuole cinematografiche (le prime furono quella francese e quella russa) e gli spettacoli nei cinema divennero un successo mondiale.

Leggi anche ->Compie 66 anni Denzel Washington: cosa faceva prima di diventare un famoso attore