Moriva 4 anni fa Carrie Fisher, la storia dell’indimenticabile attrice

Carrie Fisher è stata certamente una delle attrici più famose e amate di tutti i tempi. Scopriamo di più sulla sua incredibile carriera. 

Da quanto è scomparsa nel 2016, il mondo del cinema ha certamente persona una delle sue stelle più brillanti.

Star Wars e The Blues Brothers sono solo due dei film che l’hanno resa celebre al grande pubblico. Scopriamo di più sulla sua storia e sulla sua strabiliante carriera cinematografica.

Carrie Fisher, una vita ricca di successi

Classe 1956, la Fisher è nata a Beverly Hills (Los Angeles) il 21 ottobre. I suoi genitori non erano nuovi alle luci della ribalta: suo padre era il cantante Eddie Fisher, mentre sua madre era l’attrice Debbie Reynolds. La sua futura scelta verso il mondo delle arti e del grande schermo è stata pressoché scontata.

Leggi anche -> Morto l’attore Dave Prowse, Darth Vader di Star Wars aveva 85 anni

Il suo debutto vero e proprio arriva nel 1973 grazie al musical “Irene”. Dopo il suo battesimo a Broadway, la Fisher frequenta per ben 18 mesi la Central School of Speech and Drama di Londra. Grazie ai suoi studi e al suo grande impegno debutta anche sul grande schermo con “Shampoo“, una commedia. Lì reciterà al fianco di Warren Beatty, Julie Christie e Goldie Hawn.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Pochi anni dopo, nel 1977 le si para davanti l’opportunità che la incoronerà regina del cinema di fantascienza. L’attrice accetta l’offerta di George Luca ed entra ufficialmente nel cast di “Guerre Stellari” interpretando il personaggio della Principessa Leia Organa. Non ci vuole molto prima che il suo nome diventi famosissimo ovunque nel mondo. Ovviamente la Fisher reciterà anche ne “L’impero colpisce ancora” e “Il ritorno dello Jedi“.

Nonostante una carriera iniziata con il botto, la donna soffre a causa delle sue condizioni di salute. Il disturbo bipolare diagnosticatole a 24 anni si aggrava. Piomba in una dipendenza da alcool e droga e nel 1980 ha messo a repentaglio la sua carriera. Mentre girava il film “The Blues Brothers” ha rischiato di essere licenziata in tronco. Durante la sua carriera lavora con molti altri attori e registi famosi: la lista dei film a cui partecipa è davvero lunghissima. Tra questi ricordiamo “L’uomo con la scarpa rossa“, “Donne e amazzoni sulla Luca”, “Scappatella con il morto”.

La donna si diletta anche a vestire i panni di editor di sceneggiature cinematografiche. Ha curato i copioni di “Hook – Capitan Uncino“, “Arma Letale 3”, “Star Wars Episodio I: La Minaccia Fantasma”, “Star Wars Episodio II: Attacco dei Cloni”, “Star Wars Episodio III: La vendetta dei Sith” e molti altri. Ovviamente nella sua carriera non può mancare il teatro. Nel 2013 ha anche fatto parte della Giuria Internazionale della Mostra del Cinema di Venezia. Nel 2015 fece emozionare nuovamente i suoi fan rivestendo i panni di Leia in “Star Wars: Il risveglio della Forza“.

Leggi anche -> Star Wars, trova giocattoli nella spazzatura: un tesoro da 440mila euro

Il dramma arriva nel 2016 mentre si trova su un volo transatlantico da Londra a Los Angeles. La Fisher è colpita da un infarto e va in arresto cardiaco poco prima dell’atterraggio. Arrivata a LA viene subito ricoverata, ma nonostante i segni di miglioramento, muore il 27 dicembre 2016 a 60 anni.