Cosa posso fare oggi 26 Dicembre: viaggi e spostamenti in base al Dpcm Natale

Il terzo giorno di zona rossa è arrivato. Leggiamo che cosa si potrà fare e cosa no oggi, 26 Dicembre 2020.

Siamo dunque giunti al terzo giorno di zona rossa in Italia. Le feste natalizie del 2020 sono state sicuramente diverse dal solito a causa della pandemia da Coronavirus. L’aumento dei contagi ha portato il Governo ad imporre pesanti restrizioni, volte soprattutto a limitare gli spostamenti dei cittadini e a non contribuire alla crescita della curva degli infetti. Scopriamo allora che cosa si può fare e cosa no oggi, 26 Dicembre 2020.

Leggi anche->Dpcm Natale, quali negozi rimangono aperti nei giorni festivi

Anche oggi gli spostamenti saranno completamente ridotti all’osso. Sarà possibile lasciare la propria abitazione per andare a trovare parenti e amici soltanto una volta al giorno, e durante la fascia oraria che va dalle 05:00 alle 22:00, due persone alla volta. I minori di 14 anni e le persone non autosufficienti sono esclusi dal conto. Per muoversi all’interno della propria Regione sarà sempre necessaria l’autocertificazione, ed i motivi accettati sono soltanto quelli lavorativi o di prima necessità.

Leggi anche->Dpcm Natale, le regole fino al 6 gennaio: come evitare le multe

Muoversi da una Regione di Italia all’altra non sarà possibile, salvo per le motivazioni sopracitate. Il ricongiungimento familiare o il rientro al proprio domicilio saranno invece sempre concessi. Coloro il cui trasferimento coinvolge uno stato estero dovranno sottoporsi ad un periodo di quarantena. Turismo o trasferimenti nelle seconde case non saranno motivazioni accettabili per motivare gli spostamenti.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

26 Dicembre 2020: quali negozi saranno aperti e quali no

Durante la giornata di oggi, 26 Dicembre 2020, sarà possibile, se dotati di autocertificazione, recarsi a fare la spesa, in farmacia, dal parrucchiere o barbiere, in edicola, in libreria o nei negozi che vendono beni di prima necessità. I negozi, i bar, e i ristoranti rimarranno invece chiusi. Sarà possibile ordinare cibo d’asporto o usufruire dei servizi delivery. Anche le chiese rimaranno aperte, e sarà possibile partecipare alla messa.