Sanremo 2021, spettatori rinchiusi in una nave e tamponati – parla Dagospia

L’indiscrezione di Dagospia parla chiaro: il pubblico di Sanremo rinchiuso e tamponi a tappetto per garantire massima sicurezza all’Ariston.

Non smette di stupire e far parlare questo Sanremo 2021 che questa volta si svolgerà eccezionalmente a marzo, e non a febbraio, nella speranza che la situazione pandemica si sia risollevata almeno un po’. Dopo l’interminabile caso Morgan che continua ad inveire da lontano contro Amadeus e tutto il comparto artistico del Festival, ora arriva Dagospia con un’indiscrezione bomba.

Pubblico di Sanremo chiuso in una nave fino a marzo?

L’articolo, pubblicato su Dagospia nella giornata di ieri 24 dicembre, parla di una possibile soluzione per aggirare i DPCM che non permettono assembramenti e che hanno stabilito la chiusura dei teatri, tra cui rientrerebbe anche l’Ariston. Naturalmente, un Festival di Sanremo senza pubblico in sala, soluzione che stanno inevitabilmente adottando molti programmi televisivi al momento, non è pensabile. Pertanto, secondo l’indiscrezione di Dagospia, si sarebbe trovato un modo quantomeno originale per aggirare gli obblighi e garantire l’Ariston pieno.

Leggi anche–> Sanremo 2021, Ibrahimovic al fianco di Amadeus e Fiorello: l’idea

L’idea sarebbe quella di chiudere le circa 400 persone che costituiscono il pubblico di Sanremo in un nave da crociera della Costa, la Smeralda, previo accordo con la compagnia naturalmente. Le persone dovranno ovviamente prima sottoporsi al tampone per il Covid, che deve essere negativo. Dopo la “crociera”, gli ospiti sbarcheranno al porto di Sanremo il 2 marzo 2021, data di inizio del Festival, e verranno portati direttamente al Teatro Ariston con dei pullman privati appositi.

Leggi anche–> Morgan escluso dalla giuria di Sanremo Giovani: “Offensivo”

Pare resterà invece attivo il Palafiori, dove si trova la Sala Stampa, le radio, i programmi del daytime e gli addetti ai lavori. Anche il Casinò da cui parte il consueto lungo red carpet fino all’Ariston ci sarà.

Foto Gian Mattia D’Alberto/LaPresse