Moriva il 25 dicembre 1977 Charlie Chaplin: la sua incredibile vita

Il 25 dicembre di 43 anni fa si spegneva Charlie Chaplin, la prima star internazionale del Cinema britannico, ripercorriamo la sua vita.

Gli albori del Cinema, fino al 1927 e all’invenzione del sonoro nelle pellicole, erano caratterizzati dai film muti. A causa della mancanza del sonoro le pellicole avevano una narrativa e una messa in scena totalmente differenti. Ad avere importanza era la gestualità e l’espressività e la trama veniva narrata attraverso delle didascalie su sfondo nero che si alternavano alle scene girate.

Oggi un simile espediente potrebbe risultare noioso e poco adatto alle nuove generazioni, abituate a ritmi frenetici garantiti dal montaggio e da scene girate ad alta velocità. Tuttavia nel cinema muto c’era un fascino particolare, dato dalla possibilità di raccontare una storia senza bisogno di sceneggiature troppo complesse o trame troppo elaborare. Si trattava di una vera e propria forma d’arte, una rappresentazione artistica in tutto e per tutto, capace di comunicare grazie all’abilità degli attori. Un esempio moderno della potenza espressiva di questo tipo di Cinema è data da The Artist, vero e proprio omaggio agli albori della settima arte.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Charlie Chaplin

Il 25 dicembre del 1977 scompariva Charlie Chaplin, protagonista assoluto del Cinema muto e prima vera star internazionale di questa meravigliosa arte. L’attore, compositore, regista e sceneggiatore britannico ha girato in carriera oltre 90 film, alcuni dei quali sono rimasti negli annali della storia del Cinema e rappresentano un must per tutti gli amanti. Tra questi non si può dimenticare il Monello, film che lo ha consacrato a livello mondiale, Le Luci della ribalta, film in cui c’era la critica al mondo dello spettacolo e nel quale venne inserito per la prima volta il sonoro sincronizzato.

Leggi anche ->Natale in tv: i cartoni e i programmi in onda oggi 25 dicembre

Impossibile da trascurare Tempi Moderni, aperta critica alla società industrializzata ed al nuovo stile di vita che introduceva. Altro capolavoro assoluto è stato Il Grande Dittatore, opera satirica con la quale l’attore britannico si prendeva gioco di Hitler, evidenziandone la pericolosità per il mondo intero. Charlie Chaplin è stato il primo attore a vincere un premio Oscar alla carriera nel 1929 (ne vinse altri due, una sempre alla carriera nel 1970 e un altro per migliore colonna sonora nel 1973). La fine della sua notorietà e della sua carriera è coincisa con l’arrivo del parlato nelle pellicole, l’attore infatti era inizialmente diffidente verso questa innovazione e non volle abbandonare la pantomima che lo aveva reso una star.

Leggi anche ->Uomo morto, solo in casa alla vigilia di Natale: l’hanno scoperto così