Clark Gable, la triste storia: morto poco prima della nascita del figlio

Il celebre attore Clark Gable morì a soli 59 anni poco prima di vedere la nascita del figlio, John Clark, stroncato a un infarto. Ripercorriamo la drammatica vicenda.

Subito dopo la sua ultima fatica cinematografica, nel film Gli spostati (1961) per la regia di John Huston, con Marilyn Monroe e Montgomery Clift, Clark Gable morì stroncato da un infarto. Era il 16 novembre del 1960 e il celebre attore statunitense aveva solo 59 anni. Non fece in tempo a vedere la nascita di suo figlio, chiamato John Clark, avvenuta il 20 marzo 1961. Venne sepolto nel Forest Lawn Memorial Park a Los Angeles, California, accanto alla terza moglie e grande amore della sua vita Carole Lombard.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La sorte beffarda di Clark Gable

L’attore Charlton Heston dichiarò in un’intervista al periodico americano National enquirer che fu l’irresponsabile condotta di Marilyn Monroe durante le riprese de Gli spostati a provocare la morte di Clark Gable. “In effetti Marilyn ha ucciso Gable lasciandolo in attesa sul set giorno dopo giorno con un caldo soffocante”, disse. Quel film fu girato nel deserto del Nevada: il caldo tormentava la troupe e particolarmente Gable che, quasi sessantenne, era già provato dalla dura dieta cui si era sottoposto prima di iniziare le riprese.

Leggi anche –> Stasera in tv, “Via col vento” il classico intramontabile su Rai 4

Leggi anche –> Via col Vento, chi era Vivien Leigh: perché morì a soli 53 anni

Leggi anche –> Loretta Young la famosissima diva di Hollywood prima di Morire: “Medjugorje mi ha risposto a tutto”

“Durante il film Marilyn stava sempre nella sua roulotte costringendo tutti ad aspettare per ore”, rivelò Heston. Pare infatti che la Monroe si rifiutasse di lavorare fino al tardo pomeriggio. “Lei era la donna più irresponsabile che avesse mai lavorato in un film”, accusò Heston ricordando il forte legame di amicizia che lo univa a Gable. “Clark è stato la più grande star che abbia mai incontrato”. Forse per questo non perdonò mai alla Monroe il suo comportamento.