Juventus Fiorentina, moviola: “Manca un rosso e almeno un rigore”

La Juventus è crollata in casa contro la Fiorentina, ma ci sono alcuni episodi che, se ravvisati dall’arbitro, avrebbero reso meno ampia la sconfitta.

Sono bastati 3 giorni per cambiare in modo drastico il campionato e la percezione sui passi avanti compiuti dalla Juventus di Pirlo. Sabato i bianconeri avevano letteralmente asfaltato il Parma vincendo con un rotondo e convincente 4-0, contro una squadra che solo una settimana prima aveva fermato e rischiato di battere il Milan capolista. Sembrava dunque che le incertezza di inizio anno fossero ormai superate e che i bianconeri si fossero ripresi quella posizione di favoriti che è d’obbligo per una squadra con quei giocatori e con 9 anni di vittorie alle spalle.

Il 22 dicembre 2020, però, è stata una giornata nera. Prima perché il Collegio di Garanzia del Coni ha ribaltato la sentenza su Juventus-Napoli della Figc, annullando la sconfitta a tavolino e la penalizzazione per gli azzurri. La squadra Torinese si è quindi trovata con 3 punti in meno in classifica ed un incontro difficile da dover recuperare. Ma la vera disfatta c’è stata in campo, allo Juventus Stadium contro la Fiorentina.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Juventus Fiorentina, la moviola

La viola, in difficoltà sin dall’inizio del campionato, parte forte si porta in vantaggio con Vlahovic. Gli ospiti continuano ad attaccare ed al 16′ c’è l’episodio che decide la partita: brutta entrata di Cuadrado su Castrovilli, l’arbitro tira fuori il giallo ma viene chiamato dal Var perché l’entrata è pericolosa, dunque commuta il giallo in un rosso diretto. Secondo la moviola pubblicata sulla Gazzetta dello Sport si è trattato di una decisione sacrosanta, inappuntabile.

Leggi anche ->Juventus Fiorentina Serie A TIM: streaming, formazioni, precedenti

Ci sono un paio di episodi, non ravvisati dall’arbitro La Penna, che avrebbero potuto rendere meno amara la sconfitta della Juve. Primo su tutti il secondo giallo per Borja Valero, lo spagnolo commette fallo intervenendo in netto ritardo su Betancur. L’ammonizione in quel caso ci stava ed avrebbe portato i match in parità. La Gazzetta evidenzia inoltre due occasioni da rigore: la prima sul tocco di Castrovilli ai danni di Ronaldo, il portoghese accentua la caduta e il rigore sarebbe stato eccessivo; la seconda su tocco di Dragowski su Bernardeschi: anche qui c’è il tocco ed in questo caso il rigore ci poteva stare.

Leggi anche ->Juventus-Napoli, quando si gioca la sfida: le possibili date

Episodi a parte, la sconfitta della Juventus è stata troppo netta per poter recriminare. Il risultato di Torino offre un’occasione imperdibile per l’Inter di Conte. I nerazzurri hanno la possibilità di chiudere il campionato in testa, il Milan è contro la Lazio e con tante, troppe assenze, ma soprattutto di mettere altri 3 punti di distacco tra sé e la principale avversaria in campionato, portandosi ad un virtuale +9 (c’è l’incontro con il Napoli da recuperare) sulla Juventus.