Pensioni 2021, via al ricalcolo: spunta un mini conguaglio, ma non basta

In vista delle pensioni del 2021 è stato avviato un ricalcolo che porterà ad alcuni un mini conguaglio nell’assegno mensile.

Da anni i sindacati dei pensionati lottano strenuamente con il governo e con l’Inps per ottenere un adeguamento degli assegni pensionistici all’aumento del costo della vita. Con il caro vita che aumenta anno dopo anno, gli assegni dei pensionati non sono variati di conseguenza, una situazione che mette in grossa difficoltà tutte quelle persone che per anni hanno fornito il proprio contributo allo Stato ed oggi non possono più aumentare i propri profitti lavorando.

Tramite la Legge di Bilancio 2021 è stato ufficializzato che anche per il prossimo anno l’adeguamento degli assegni sarà bloccato. Il governo ha offerto una perequazione del 100 % solamente ai pensionati destinatari dell’importo pensionistico fino a quattro volte minimo. Inevitabile, dunque, che i pensionati siano scontenti della situazione e si lamentino per un trattamento che non è considerato equo.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Pensioni 2021, il mini conguaglio calcolato dall’Inps

Secondo quanto rivelato da alcune statistiche, nel 2020 c’è stato un aumento del costo della vita pari allo 0,4%, anche se il calcolo di fine anno presentato dal Sole 24 Ore attesta questo aumento ad un definitivo 0.5%. Sebbene l’adeguamento degli assegni sia stato bloccato in sede governativa fino al 2022, l’Inps ha fatto sapere con una circolare che si sta effettuando un ricalcolo dell’assegno in vista del prossimo anno, con un mini-conguaglio per tutti i pensionati.

Leggi anche ->Pensioni gennaio 2021: cos’è cambiato dopo il nuovo Dpcm

Si apprendere, però, che questo mini-conguaglio equivale esclusivamente allo 0,1%. Considerando l’inflazione con i dati presentati dal Sole 24 Ore dunque, su un’assegno di 1000 euro, ci sarebbe dovuto essere un aumento dello 0,5% dunque sarebbe dovuto essere di 1005 euro. Considerando l’aumento, dunque, l’Inps concederà una cifra una tantum in una delle 13 mensilità. Chi prende 1000 euro, dunque, per un mese ne prenderà 1013. Se alla fine del prossimo anno non ci sarà una rivalutazione degli assegni, le cifre non aumenteranno di un centesimo. L’inflazione da applicarsi nel 2021, infatti, è pari a zero.

Leggi anche ->Pensioni 2021 per chi ha iniziato a lavorare prima del ’96: a chi spetta