Suarez conferma: “Con la Juventus c’era un accordo, poi è saltato tutto”

Arrivano novità importanti per il caso Suarez con lo stesso attaccante uruguaiano che è stato ascoltato dal Procuratore capo Cantone

Caso Suarez

Luis Suarez è stato ascoltato anche dal procuratore capo di Perugia, Raffaele Cantone, e e i sostituti procuratori, Paolo Abbritti e Gianpaolo Mocetti. Così l’attaccante uruguaiano dell’Atletico Madrid, ad un passo dalla Juventus, ha svelato come riportato dall’edizione odierna da “La Gazzetta dello Sport”: “Vero, ho ricevuto l’email dalla professoressa Stefania Spina, e quelle che c’erano dentro potevano essere le domande che poi mi hanno fatto all’esame”. Durante la videoconferenza lo stesso attaccante ha parlato in spagnolo con la traduzione dell’interprete. Venerdì mattina è stato così ascoltato dopo il caso dell’esame che ha tenuto all’Università per gli Stranieri di Perugia il 17 settembre.

Leggi anche –> Caso Suarez, si è dimessa la rettrice dell’Università per Stranieri di Perugia

Leggi anche –> Caso Suarez, la Juventus: “Avviso di garanzia a Fabio Paratici”

Suarez esame, indagini in corso

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

In aggiunta, lo stesso Suarez avrebbe rivelato di aver siglato anche un accordo preliminare di contratto con la Juventus tra il 28-29 agosto. Verso il 14 settembre, però, sarebbe arrivata la chiamata di Fabio Paratici per annunciare la fine della trattativa con il suo trasferimento che è saltato immediatamente. Ora le indagini continueranno per capire anche da dov’è arrivata, infine, a fuga di notizia che ha così portato anche il club bianconero a rinunciare all’acquisto del forte centravanti sudamericano.

Caso Suarez