Storie Italiane, troupe aggredita durante servizio sugli assembramenti

Alcuni inviati di ‘Storie italiane’ che stavano svolgendo un reportage sugli assembramenti della movida vengono aggrediti da decine di persone.

Storie Italiane troupe aggredita
Storie Italiane troupe aggredita Foto dal web

Brutta disavventura per una troupe di ‘Storie Italiane’. Un inviato ed un operatore del noto programma televisivo del mattino condotto da Eleonora Daniele su Rai 1 ha subito un assalto nel corso della realizzazione di un servizio. Il tutto è accaduto a Roma in zona Ponte Milvio. Si tratta notoriamente di una delle aree più frequentate della Capitale, soprattutto dai giovani.

Leggi anche –> Variante Covid, c’è il primo positivo in Italia: arriva dalla Gran Bretagna

Il giornalista di ‘Storie Italiane’ era intento nella realizzazione di un reportage avente come tema gli assembramenti illeciti. Ci sono le norme che derivano sia dal Dpcm nazionale che dalle disposizioni emanate dalle varie regioni in base alle quali è vietato creare dei gruppi di persone. Questo allo scopo di evitare il più possibile che il virus si diffonda. In circa 40 persone si sono scagliate contro la squadra Rai, alle ore 16:00 di domenica 20 dicembre 2020. Si è reso necessario l’intervento di numerose pattuglie delle forze dell’ordine per impedire che la situazione degenerasse.

Leggi anche –> Caso Genovese, parla l’amico Daniele Leali: “Ecco di cosa aveva paura”

Storie Italiane, in 40 e più scalmanati aggrediscono la troupe a Roma

Come risultato di questa follia, il cameraman che stava effettuando le riprese ha rimediato delle ferite per fortuna di lieve entità. Ma è dovuto servire un ricovero in codice giallo in ospedale al Policlinico Gemelli, a causa di un trauma cranico. Frutto di un colpo subito alla testa.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Edson Tavares, chi è l’ex di Gessica Notaro: la sua condanna è confermata

Anche parte dell’attrezzatura della troupe ha rimediato dei danni, in particolar modo la telecamera. Indagano ora le autorità, che hanno aperto una inchiesta ufficiale e stanno passando al setaccio le immagini estrapolate da alcune telecamere di sicurezza installate in quella area.