Passeggero muore con sintomi Covid: panico sull’aereo

I passeggeri, spaventati e furiosi, hanno criticato la compagnia statunitense United perché l’uomo avrebbe mostrato chiari sintomi di positività al Covid.

Tragedia sul volo United-591 da Orlando a Los Angeles: il comandante è stato costretto a un atterraggio di emergenza a New Orleans a causa della morte di un passeggero. A bordo del Boeing 737-900 c’erano 179 persone che, spaventate ma anche arrabbiate, hanno criticato la compagnia statunitense: l’uomo deceduto avrebbe mostrato chiari sintomi di positività al Covid. Pare che avesse compilato un’autocertificazione prima del volo, ma qualcosa nella catena dei controlli dev’essere comunque saltato.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

Emergenza Covid anche in alta quota

Resta ora da capire perché la vittima sia stata autorizzata a salire sull’aereo. I medici a bordo hanno cercato disperatamente, ma purtroppo inutilmente, di salvarla. Il volo è poi proseguito per Los Angeles, ma in un crescendo di esasperazione a bordo, visto che a nessun passeggero è stata offerta un’alternativa.

Leggi anche –> Stop ai voli con la Gran Bretagna: allarme per la variante del coronavirus

Leggi anche –> Londra, nuova variante di Coronavirus: allarme in tutta Europa

Leggi anche –> Malpensa, paura in aeroporto: donna cinese si sente male, poi la tragedia

“Com’è stato possibile far volare un uomo positivo al Covid? – ha domandato una donna -. Stava tremando e sudando, era chiaramente malato e poi è morto durante il volo. Abbiamo fatto un atterraggio di emergenza a New Orleans e non abbiamo cambiato l’aereo. Siamo rimasti tutti seduti lì per ore ad aspettare che rimuovessero il cadavere. È così che la United gestisce la sicurezza e la salute?”. Si attende una risposta.

How many dead bodies you want before stoping the death? @united what’s going on?

Man with #coronavirussymptoms DIES after United flight from #Orlando to #LosAngeles 🤔 #Covid_19 #CovidVaccine #coronavirus #CoronaVaccine https://t.co/KBLHgxacCz pic.twitter.com/BbSi0Jqsyx

— George Enis (@gorgenis) December 19, 2020