Lutto nella musica, morto il mitico Pepe dei Dik Dik

Il mondo della musica piange la scomparsa di un grande musicista: lo storico chitarrista dei Dik Dik, Pepe, è morto a causa del Covid.

Dopo la scomparsa di Stefano D’Orazio, un altro protagonista della musica anni’70- ’80 se n’è andato: è morto nelle scorse ore Pepe, mitico chitarrista dei Dik Dik. A dare la triste notizia al mondo è stato il giornalista Marino Bartoletti, grandissimo appassionato di musica oltre che di calcio. Sul suo profilo si legge: “Forse il mondo della ‘grande’ musica si girerà dall’altra parte distratto, ma io lo piango con un dolore pari al suo enorme talento alla sua innata riservatezza e alla sua deliziosa ironia”.

A pochi minuti di distanza dall’annuncio di Bartoletti, l’amico di Pepe (all’anagrafe Erminio Salvaderi) Enrico Ruggeri condivide uno dei primi ricordi che ha di lui: “I Dik Dik furono quelli che portarono il nastrino dei Decibel alla nostra prima casa discografica. Registrammo il primo album con Pepe Salvaderi sempre presente in studio, assieme a Giancarlo e al povero Joe Vescovi. Quanti ricordi. Un abbraccio Pepe, ovunque tu sia adesso”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Chi era Pepe, il messaggio commosso dei Dik Dik

Nato con una passione trascendente per la musica ed un talento musicale di tutto rispetto, Erminio Salvaderi in arte Pepe ha cominciato la sua carriera professionale quando nel 1965 ha fondato insieme a Giancarlo ed al compianto Joe Vescovi i Dik Dik. Gruppo molto amato dai giovani per tutti gli anni ’70, i Dik Dik hanno raggiunto l’apice del successo quando hanno pubblicato ‘L’Isola di White‘. Da qualche anno a questa parte il gruppo era fuori dalle rotazioni radiofoniche, ma la sua fan base era sempre molto ricettiva.

Leggi anche ->Stefano D’Orazio, di che cosa è morto il batterista dei Pooh

Dopo la tragica notizia della scomparsa di Pepe gli amici di una vita hanno scritto sulla pagina ufficiale del gruppo: “Ciao Pepe te ne sei andato a suonare con gli angeli e ci hai lasciato qui a piangerti e ricordarti per sempre. Conoscendo la tua innata ironia lo avrai fatto così senza avvertirci affinché suonassimo le tue canzoni, le nostre canzoni ancora più forte, così forte da arrivare fino al cielo e il cielo sarà con te ad ascoltarci. Noi non ti abbiamo perso e non ti perderemo mai perché sei e sarai sempre dentro di noi e ti promettiamo un cosa, l’ultimo lavoro, quello che hai voluto tanto non andrà perduto.
Ciao fratello, amico, grande musicista, ciao Pepe ci incontreremo in tutti i nostri sogni”.

Leggi anche ->Leopoldo Saccon, Treviso e provincia in lutto per la sua morte – FOTO