Londra “chiusa” per Natale: paura per la nuova variante del Covid

“Stay at home”: è questo il mantra delle ultime ore a Londra, che si prepara a un lockdown duro per Natale. La nuova variante inglese del Covid sembra circolare più velocemente. 

Londra chiude i battenti per Natale. Stando a quanto riferiscono i media d’Oltremanica, la capitale britannica sta per passare a un nuovo livello di allerta anti Covid, chiamato “Tier 4”, che prevede lo “Stay at home” – ovvero la reclusione forzata in casa – nel corso delle imminenti festività natalizie.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il Regno Unito nella morsa del Covid

L’annuncio ufficiale è previsto per la conferenza stampa del premier Boris Johnson in programma questo pomeriggio. Le nuove restrizioni per Londra e il sud Inghilterra andrebbero di fatto a revocare l’allentamento delle misure restrittive promesso nei giorni scorsi dal governo Tory.

Leggi anche –> Londra in lockdown per contenere un nuovo ceppo del virus

Leggi anche –> Coronavirus, scoperta che allarma gli scienziati: “C’è una nuova variante”

Leggi anche –> Natale e Capodanno con familiari e amici online: esperienze e viaggi virtuali

Nel frattempo le autorità britanniche hanno informato l’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) che la nuova variante del Covid individuata nel sudest dell’Inghilterra può circolare più velocemente e, dunque, favorire una crescita esponenziale dei contagi. Chris Whitty, a capo dell’autorità sanitaria in Inghilterra, precisa tuttavia che non è ancora chiaro se questa nuova variante sia anche più letale.

In totale circa 38 milioni di persone in Inghilterra, pari al 68% della popolazione, vivono già in una zona di “massima allerta”, che comporta la chiusura di pub, ristoranti e musei e severe restrizioni anche tra le mura domestiche. Il Regno Unito è il Paese più colpito in Europa insieme all’Italia, con oltre 66.500 morti, e ha lanciato l’8 dicembre scorso una massiccia campagna di vaccinazione, mirata soprattutto agli anziani e a chi si prende cura di loro. Dopo il vaccino Pfizer-BioNTech, la British Medicines Agency (MHRA) dovrebbe approvare un secondo vaccino il 28 o 29 dicembre, quello sviluppato da AstraZeneca con l’Università di Oxford.