Incidente Corso Francia, i legali di Genovese all’attacco dopo la sentenza

Pietro Genovese è stato condannato a otto anni: nella notte fra il 21 e il 22 dicembre 2019 travolse col suo suv Gaia Von Freymann e Camilla Romagnoli. Ma secondo i suoi avvocati la sentenza non rispecchia gli atti. 

Pietro Genovese, 20 anni, travolse col suo suv Gaia Von Freymann e Camilla Romagnoli nella notte fra il 21 e il 22 dicembre 2019 a Corso Francia, Roma. Dalle analisi è emerso che aveva un tasso alcolemico dell’1,4, tre volte superiore a quello consentito per guidare. Dopo la condanna a 8 anni, però, i suoi legali esprimono una serie di riserve sulla sentenza.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La linea di difesa di Pietro Genovese

“La sentenza non rispecchia quello che è emerso dagli atti, soprattutto rispetto al rosso pedonale. Comunque tutte le sentenze si rispettano e le motivazioni ci daranno conto del ragionamento del giudice” affermano gli avvocati Franco Coppi e Gianluca Tognozzi, difensori di Pietro Genovese. E aggiungono che “il dramma di Pietro lo ha manifestato lui stesso durante questo processo, la morte di Gaia e Camilla ha cambiato per sempre la sua vita e non pensa ad altro da quel giorno”. “Evidentemente con la pena irrogata vede tutto ancora drammaticamente più buio”, concludono i penalisti.

Leggi anche –> Pietro Genovese condannato a 8 anni: travolse e uccise Gaia e Camilla

Leggi anche –> Gaia e Camilla | chiesti 5 anni per Pietro Genovese | ‘Finge dolore’

Leggi anche –> Pietro Genovese | investì due ragazze a Roma | ‘Musica troppo alta ai domiciliari’

“Giustizia è stata fatta. Un grande dolore ma anche una grande vittoria per noi – hanno invece commentato le mamme di Gaia e Camilla -. Le bambine non torneranno più a casa ma abbiamo avuto la soddisfazione dell’assenza del concorso di colpa. Le ragazze hanno attraversato sulle strisce, con il verde pedonale, i nostri avvocati sono stati bravissimi a dimostrare ciò. Non ci aspettavamo una sentenza così”.