Ema Stokholma, qual è il vero nome e perché la madre mostro l’ha chiamata così

Ema Stokholma è una celebre conduttrice e dj italiana, amata in tutta la penisola. Il suo vero nome è però un altro, scopriamolo insieme.

Ema Stokholma è una splendida dj e conduttrice televisiva e radiofonica italiana. Ha origini francesi da parte di mamma e italiane da parte di papà e la sua infanzia è stata tutt’altro che semplice. La donna infatti ha dovuto combattere in adolescenza contro le violenze e gli abusi da parte della madre, che l’hanno portata a scappare di casa all’età di soltanto 15 anni. Ema ha trovato rifugio in Italia, dove ancora oggi vive e lavora. Scopriamo dunque insieme qualcosa in più su di lei e sulla sua storia.

Leggi anche->Ema Stokholma, chi è: carriera e curiosità sulla dj e conduttrice

Ema è nata il 9 Dicembre 1983 a Romans-sur-Isère, in Provenza, dalla fugace relazione tra la mamma francese e il padre italiano, che è andato via quando la dj era ancora in grembo. La donna è cresciuta dunque tra la Bretagna e il Sud della Francia insieme alla madre ed al fratello. L’infanzia dei due bambini è stata tormentata dalla violenza della madre, motivo che ha spinto Ema a fuggire a Roma dal padre all’età di 15 anni. Da quel momento in poi la conduttrice è entrata a far parte del mondo della moda, e successivamente di quello della musica e della televisione italiana.

Leggi anche->Ema Stokholma, perché è finita la storia con il rapper Gemitaiz: cosa è successo

È una vera e propria self-made-woman la splendida e forte conduttrice, che oggi sta finalmente coronando i suoi sogni e imparando a fare pace con il proprio passato. Quello di Ema Stokholma non è il vero nome, bensì uno pseudonimo. All’anagrafe, la dj è registrata come Morwenn Moguerou, un nome di origini bretoni, datole dalla mamma. “Il mio nome è difficilissimo e con un sacco di r, un guaio per la mia r moscia.” ha dichiarato la donna durante un’intervista.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Ema Stokholma: il celebre libro “Per il mio bene”

La bellissima Ema Stokholma ha raccontato il suo passato in un libro, che ha intitolato Per il mio bene. Tra le pagine sono descritti gli abusi e le violenze subiti durante l’infanzia, che hanno commosso e catturato ogni lettore. Lo scopo del romanzo, i cui personaggi principali sono stati inventati dalla donna, è quello di spingere i lettori a non rimanere in silenzio. Le stesse violenze toccate a lei ed al fratello potrebbero essere la quotidianità di qualche altro bambino, che necessita dunque di aiuto e protezione.