Christian De Sica, rissa col cognato Carlo Verdone: spinte e sberle, cosa è successo

Christian De Sica è stato protagonista di una rissa col cognato Carlo Verdone: scopriamo cos’è successo tra i due attori.

Si sa, i rapporti di famiglia sono spesso complicati, specie se inizialmente si era semplici amici e da quella amicizia è nato l’amore con una sorella o un fratello dell’amico in questione. Lo sanno bene Carlo Verdone e Christian De Sica. I due si sono conosciuti al liceo e sono diventati amici in classe. Una frequentazione che si è tramutata presto in una reciproca simpatia e vera amicizia.

Christian era spesso ospite di Carlo in casa di pomeriggio. L’attore figlio d’arte andava a fare i compiti in casa dell’amico, ma quando ha fatto la conoscenza di Silvia, sorella di Verdone, il suo interesse per lo studio è scemato definitivamente. Per Christian è stata attrazione immediata e sin dai primi momenti ha cercato di conquistare il cuore della donna. I suoi sforzi si sono rivelati vincenti visto che alla fine i due si sono sposati ed hanno avuto due figli.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Christian De Sica, rissa col cognato Verdone: “Lo dice lui, non ricordo”

Ad inizio anno Verdone ha ricordato che l’interesse di Christian verso la sorella inizialmente gli aveva dato fastidio. L’artista romano ha anche rivelato che in un’occasione gli ha dato uno schiaffo perché l’amico era un “un po’ farfallone” e la portava in giro con auto di lusso in un periodo in cui era pericoloso andare in giro. Quel fastidio è sparito quando De Sica si è dichiarato alla sorella arrivando in casa con un bel mazzo di fiori.

Leggi anche ->Christian De Sica, la sberla presa da Carlo Verdone: cosa è successo tra i due

Interrogato sulla rissa col cognato, però, Christian sembra non ricordare il particolare dello schiaffo, anche se ricorda il fastidio che l’amico Carlo aveva nei confronti del suo interesse per Silvia: “Ci siamo scontrati davanti casa mia. Lui dice che mi ha menato, ma in realtà ci sono state solo delle spinte. Ce l’aveva con me in maniera eccessiva per la mia frequentazione con la sorella”.