Bambina di 10 anni partorisce dopo uno stupro, le è stato negato l’aborto

Una bambina di appena 10 anni ha dovuto partorire dopo che era rimasta incinta in seguito ad uno stupro subito. Non le è stato permesso di abortire.

E’ successo in ColombiaPrado, una storia terribile di stupro e grave malasanità. Una bambina di soli 10 anni è stata costretta a sopportare il dolore di un parto in cui ha dato alla luce un bambino, frutto di una violenza sessuale subita regolarmente da quando aveva 8 anni. La polizia sta indagando sull’identità dello stupratore.

La bambina è stata stuprata forse dal suo patrigno

Anche se non vi sono informazioni certe a riguardo e la polizia sta ancora indagando, la piccola, il cui nome non è stato reso pubblico, potrebbe essere stata violentata dal suo patrigno. L’uomo, 47 anni, è il principale sospettato insieme ad un ragazzo di 23 anni che lavorava nella fattoria di famiglia.

Leggi anche–> Colpisce con un calcio una donna incinta per derubarla e le provoca l’aborto

Il governatore della municipalità in cui abita la piccola, Ricardo Orozco, ha rilasciato una dichiarazione ai media locali nella giornata di ieri in cui ha raccontato che la piccola si sta occupando del suo bambino da 26 giorni. Non è chiaro pertanto quando il bambino sia esattamente nato.

Leggi anche–> Stupro bambina | zio mette incinta nipotina di 10 anni | proteste per aborto

Quello che è chiaro è che il colpevole è ancora in circolazione. Lo stesso governatore Orozco ha pregato alle telecamere dei media locali di uscire allo scoperto e ha invitato chi avesse qualche informazione utile a farsi avanti. Molti casi come questi non vengono denunciati per coprire un figlio, uno zio o un nonno oppure lo stesso partner. Faremo una grossa campagna per far sì che vengano denunciati” ha poi precisato Orozco.

Quando la bambina uscirà dall’ospedale avrà chi si prenderà cura di lei, come ha assicurato il direttore del Colombian Institute of Family Welfare, Oscar Rios. Rimane il dubbio sul perché sia stata negata alla piccola la possibilià di abortire, dato che la Colombia permette alle donne incinte di interrompere la gravidanza legalmente.