Coronavirus, Bill Gates spiazza tutti: “Ecco cosa ci aspetta”

Secondo Bill Gates bisognerà aspettare almeno un altro anno e mezzo per tornare alla normalità pre-Coronavirus. E il peggio deve ancora arrivare. 

Guai a pensare che l’arrivo del vaccino segni la fine dell’emergenza Coronavirus. Bisognerà aspettare almeno un altro anno e mezzo per tornare alla normalità pre-pandemia, e contrariamente a quel che molti credono il peggio deve ancora arrivare. È quanto prevede Bill Gates, che insieme alla moglie Melinda ha annunciato la donazione di altri 250 milioni di dollari a sostegno di ricerca & sviluppo e per l’equa distribuzione di tutti gli strumenti salvavita contro il Covid-19.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

I foschi presagi di Bill Gates

“Entro l’estate del 2021 i Paesi ricchi avranno la copertura maggiore del vaccino, più di ogni altro, così potranno tornare alla normalità, ma il virus resterà in larga parte del pianeta”, avverte Bill Gates. Infatti “c’è sempre un rischio di nuova infezione e quindi saremo in grado di esserci davvero liberati del virus soltanto a metà del 2022”.

Leggi anche –> Vaccino, Bill Gates conferma: “A febbraio ne avremo diversi ma attenzione”

Leggi anche –> Negazionisti Covid | ‘Virus inventato da Bill Gates | liberate mia mamma’

Leggi anche –> Bill Gates Coronavirus | ‘Moriranno ancora in milioni prima della fine’

I fondatore di Microsoft chiede inoltre agli Stati che fanno parte dell’alleanza per i vaccini, Gavi Covax, maggiori contributi per poter distribuire dosi anche nei paesi ancora in via di sviluppo. “Grazie all’ingegnosità della comunità scientifica globale abbiamo ottenuto importanti risultati necessari a mettere fine alla pandemia. Abbiamo più farmaci e potenziali vaccini di quanti ne potessimo prevedere all’inizio dell’anno. Ma queste innovazioni salveranno vite solo se arriveranno ovunque”. Gli fa eco a moglie Melinda con un appello ai “leader mondiali a rendere disponibili test, cure e vaccini a tutti coloro che ne hanno bisogno, a prescindere dal luogo in cui vivono e dal reddito”.