Alberto Matano stupisce ancora: in versione “Papaboy” su Instagram

Alberto Matano nutre una speciale ammirazione per Papa Francesco, al quale ha voluto rivolgere via social uno speciale augurio nel giorno del suo compleanno. 

Alberto Matano “devoto” di Papa Francesco. E’ questa l’ultima “sorpresa” sul profilo Instagram del noto giornalista e conduttore Rai. “Nessuno si salva da solo”, scrive il nostro rivolgendo al Pontefice i suoi migliori auguri di buon compleanno. Con tanto di foto che mostra lui – emozionatissimo – e Bergoglio mentre si stringono la mano.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Il lato “spirituale” di Alberto Matano

Finora Alberto Matano ha mostrato il suo lato di professionista serio e impegnato e quello di viveur allegro e spensierato. Ma c’è anche quello spirituale. L’ex mezzobusto del Tg1, d’altronde, già in passato aveva espresso parole di profonda ammirazione nei riguardi del Pontefice.

Leggi anche –> Papa Francesco compie 84 anni: come ha cambiato la Chiesa

Leggi anche –> Lorella Cuccarini, confessione sulla lite con Matano: “Ringrazio il cielo”

Circa un anno fa, ospite di uno speciale di Domenica In dedicato a Papa Francesco, Alberto Matano aveva sottolineato l’importanza della figura del Vescovo di Roma per tutta la comunità cristiana: “Viviamo in un’epoca di grande difficoltà grande contrapposizione, le persone hanno dei problemi inimmaginabili. Si può credere o non credere – ha spiegato – la forza di questo Papa è che lui ha reso i testi sacri, il Vangelo, contemporanei, è riuscito a tradurre quel messaggio nella realtà di oggi, quindi a riportarci in quei valori che sono semplici: l’incisività, la solidarietà, la fratellanza, il volersi bene e anche rinunciare”.

Leggi anche –> Alberto Matano esagera su Instagram: è andato oltre il limite

Leggi anche –> Alberto Matano felice solo a metà: “Apparente normalità”

“Chi ha troppo – ha aggiunto il conduttore della Vita in diretta – dovrebbe rinunciare per dare a chi ha poco. Anche il messaggio del presepe, tornare all’umiltà, al bambino che nasce, al miracolo che avviene a Betlemme, tradotto oggi potrebbe essere un profugo, una persona che nasce in difficoltà. Tu ci puoi credere o meno a quel messaggio ma è un’immedesimazione. Lui traduce ed è universale”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Alberto Matano (@albertomatano)

EDS