Telefonini in carcere, erano nascosti per i boss nei croissant – VIDEO

Alcuni complici introducevano di nascosto dei telefonini in carcere, utilizzando un espediente davvero particolare. C’è anche un filmato.

telefonini in carcere San Severo
Scoperti telefonini in carcere a San Severo introdotti con un metodo ingegnoso Foto dal web

Le forze dell’ordine hanno scoperto dei telefonini in carcere, introdotti illegalmente per favorire alcuni capi malavitosi. Il tutto è accaduto all’interno dell’istituto penitenziario di San Severo, in provincia di Foggia. Qui una indagine sorta a seguito di alcuni sospetti ha portato a dei risultati concreti, con la scoperta dei dispositivi nascosti all’interno di alcune merendine.

Leggi anche –> Valigie Firenze, ne spunta una quarta ancora con resti umani

In particolare i telefonini in carcere ci entravano di nascosto ed in maniera del tutto vietata dopo che i complici dei detenuti li infilavano in dei cornetti al cioccolato. Pregevole la manifattura degli snack, che sembravano in tutto e per tutto intatti. Ma gli agenti della polizia penitenziaria sono riusciti a scoprire tutto quanto, riprendendo anche il corpo del reato in un apposito video. Il filmato ha fatto poi il giro del web. Lo stesso sindacato Cgil Puglia della Polizia Penitenziaria ha confermato la cosa, mettendo in risalto “la scaltrezza e la professionalità dei nostri agenti”.

Leggi anche –> Spostamenti, sull’autocertificazione scrive: “Vado a comprare la droga”

Telefonini in carcere, poche settimane fa una scoperta analoga sempre lì

In totale sono tre i cellulari scoperti dopo essere stati introdotti illegalmente in cella. Si tratta di micro telefonini con anche un caricabatterie sempre di piccole dimensioni. Un detenuto originario del territorio di Bari ha ricevuto una denuncia per tutto ciò. Anche nelle scorse settimane era avvenuta la stessa scoperta, sempre all’interno del carcere di San Severo.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Figlio gay, il padre non lo accetta ed assolda un sicario: “Fagli male”

In tale circostanza erano ben nove le apparecchiature per comunicare con l’esterno scoperte dalla polizia penitenziaria. Si trovavano in un pacco introdotto nel cortile della struttura. Segno che, anche in situazioni che appaiono nette e sotto il totale controllo della giustizia, non bisogna mai dare niente per scontato.