Scadenze fiscali, calendario dicembre: quando e cosa bisogna pagare

Il mese di dicembre è pieno di scadenze fiscali da rispettare: scopriamo cosa c’è da pagare da oggi fino all’ultimo giorno dell’anno.

Il mondo del fisco è da sempre uno dei più ingarbugliati e complessi da comprendere e gestire. Lo sanno bene commercialisti, consulenti del lavoro e fiscalisti, i quali si ritrovano a dover navigare tra leggi e decreti che si sommano ed in alcuni casi creano confusione. La confusione diventa assoluta nel periodo del calcolo delle dichiarazioni (solitamente tra maggio e luglio) e  in quello di chiusura dell’anno fiscale.

Da sempre il mese di dicembre è uno di quelli più complicati dal punto di vista fiscale. Questo perché si accavallano le scadenze per i pagamenti e la presentazione delle domande nel giro delle ultime due settimane dell’anno. Anche in questo 2020 la situazione non è migliorata, anzi probabilmente è stata resa maggiormente complicata da tutte le deroghe concesse dal governo causa covid.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Scadenze fiscali, il calendario di dicembre

Proprio dell’accumulo delle scadenze fiscali si è lamentata la Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. Sono proprio questi professionisti che in questo mese si devono districare tra richieste di d’indennità per i lavoratori, casse integrazione per i dipendenti messi a riposo forzato, ristori per le attività colpite dalla pandemia e dalle relative chiusure e scadenze fiscali da pagare.  Il presidente della fondazione, Rosario De Luca, ha commentato in questo modo la confusione di questa fine anno: “Inutile rinviare scadenze e pagamenti se tutto si somma e si concentra nello stesso periodo e soprattutto se le condizioni economico-finanziarie delle aziende non cambiano a causa dello stallo dell’economia e delle chiusure generalizzate”.

Leggi anche ->Bonus 1000 euro: domanda in scadenza, l’Inps concederà una proroga?

Proteste a parte, vediamo qual è il calendario delle scadenze fiscali di questo ultimo mese dell’anno. Il prossimo 16 dicembre dovranno essere versate le ritenute alla fonte, l’Iva (compreso l’acconto del 28 dicembre), i contributi previdenziali e assistenziali ed infine le trattenute ad addizionale regionale o comunale. L’adempimento dei versamenti slitta al 16 marzo 2021 per chi ha guadagnato meno di 50 milioni di euro nel 2019, per chi ha subito una diminuzione del fatturato del 33% o per chi è proprietario di attività sospese per effetto del dpcm entrato in vigore lo scorso 3 novembre.

Leggi anche ->Di Maio: “Nel 2021 stop a tasse per partite Iva ed autonomi”

Il 20 dicembre è il giorno in cui scade il termine per versare le tredicesime ai dipendenti. Il termine può variare, però, in base agli accordi stipulati in sede contrattuale tra dipendente e azienda privata. Il 31 dicembre infine è il termine ultimo per una serie di domande da inviare. Tali scadenze riguardano i consulenti del lavoro che dovranno ultimare entro quella data l’invio di pratiche utili all’ottenimento di ammortizzatori o deroghe di pagamento. L’ultimo dell’anno sarà la data finale per inviare: domande all’Inps per l’incentivo Io lavoro, ottenere l’esonero contributivo per i datori di lavoro che assumono, ottenere l’esonero dei contributi per i datori di lavoro che non richiedono la cassa integrazione.

Entro il 31 dovranno essere inoltre inviate: ulteriori domande cassa integrazione ordinaria e in deroga, per il Fondo d’integrazione salariale, per il Fondo di solidarietà bilaterale per l’artigianato relative a novembre, e la presentazione dei modelli di pagamento SR41 per le istanze autorizzate in precedenza. L’ultimo dell’anno sarà il termine anche per l’invio dei flussi telematici di UniEmens relativi a novembre e per la stampa del Libro Unico del Lavoro relativo sempre al mese scorso.