Maestra negazionista, “Siete covidioti” protesta dei genitori – FOTO

Una giovane maestra negazionista, assunta da solo qualche settimana, fa infuriare i genitori ed il sindaco per i suoi atteggiamenti.

maestra negazionista Treviso
Protesta contro una maestra negazionista a Treviso Foto dal web

Tanti genitori stanno chiedendo provvedimenti severi nei confronti di una maestra negazionista, assunta alla scuola elementare ‘Papa Giovanni XXIII’ di Treviso. La donna, di relativamente giovane età, avrebbe invitato i suoi giovanissimi alunni a non fare ricorso alla mascherina in aula, dicendosi convinta che la pandemia in corso “uccide solo i vecchi”.

Leggi anche –> Focolaio in convento, positive 105 suore su 115: “È successo così”

Lei aveva trovato impiego neanche un mese fa grazie alle disposizioni che hanno accelerato in alcune casi le pratiche di assunzione. Il suo compito è quello di occuparsi di supplenze e di seguire gli alunni disabili. Ma sin dal suo primo giorno di lavoro la maestra negazionista non ha mai voluto utilizzare la mascherina, sostenendo con forza le proprie idee. Tra l’altro il profilo personale Facebook della docente è pieno proprio di proclami negazionisti. In molti casi ha definito i vari Dpcm sulla sicurezza “illegali”, e dato dei “covidioti” ai tanti milioni di individui che, a differenza sua, seguono le regole per tutelare il bene di loro stessi e degli altri.

Leggi anche –> Vaccino Pfizer, c’è la data: “In Europa già prima di Natale”

Maestra negazionista, lei non usava la mascherina “per problemi respiratori”

A seguito di tutto questo, la direzione scolastica ha dato formalmente il via al procedere con una indagine interna. E nella giornata di lunedì 14 dicembre una folta delegazione di genitori ha inscenato una protesta proprio all’esterno dell’edificio, per chiedere provvedimenti contro l’insegnante. Erano presenti anche il sindaco di Treviso, Mario Conte, ed il locale Prefetto.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Vaccino Covid “obbligatorio per medici e infermieri, si a lockdown a Natale”

Sono in tanti le madri ed i padri preoccupati per la possibilità che la maestra possa avere contagiato i loro figli. La donna si era procurata un certificato medico appositamente per non dovere sottostare all’obbligo di usare la mascherina, facendo riferimento a dei problemi di natura respiratoria. Al suo posto avrebbe dovuto impiegare una visiera con schermo trasparente, che però pure avrebbe mancato di utilizzare.