Focolaio in convento, positive 105 suore su 115: “È successo così”

La quasi totalità delle consorelle investite da un focolaio in convento. Molte fra loro sono giovani ed arrivano da ogni parte del mondo.

Focolaio in convento suore
Suore infette dopo maxi focolaio in convento Foto dal web

Scoppia un maxi focolaio in convento di San Francesco a Bagnoregio, località laziale situata in provincia di Viterbo. Qui risultano esserci ben 105 suore tutte positive, su un totale di 115, con il contagio che ha preso piede nel giro di pochissime ore. All’inizio risultava esserci una sola religiosa alle prese con il virus. Ma ben presto anche tutte le altre sono risultate infette.

Leggi anche –> Senzatetto si abbassa i pantaloni davanti ai passanti, come finisce

Da sabato 12 dicembre il convento risultava sottoposto ad una quarantena totale imposta alle consorelle, dopo che il tampone svolto da una di loro aveva mostrato la presenza del virus all’interno del suo organismo. Purtroppo però era troppo tardi. L’intero gruppo aveva preso parte ad una preghiera collettiva. Una sola delle suore è bastata a contagiare l’intero gruppo. Il sindaco di Bagnoregio, Luca Profili, ha descritto la situazione del focolaio in convento parlando alla agenzia Adnkronos.

Leggi anche –> Suor Anna Monia Alfieri: chi è, cosa fa e per cosa si batte

Focolaio in convento, la struttura è del tutto inaccessibile

Il primo cittadino fa sapere che in diverse fanno riscontrare febbre, perdita di olfatto e gusto ed altri sintomi caratteristici del virus. Poi ci sono anche dei soggetti asintomatici. Ed ora la struttura religiosa è del tutto off limits. Non si può né entrare né uscire, da qui ad inizio gennaio. Le suore coinvolte sono di delle più disparate età e nazionalità ed in diverse sono anche molto giovani.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Vaccino Pfizer, c’è la data: “In Europa già prima di Natale”

Sempre il sindaco fa sapere che alcune delle suore di Bagnoregio si erano incontrate con delle loro omologhe di Latina per una preghiera. Ora il convento resterà tagliato fuori dal paese, per evitare ulteriori contatti ed il propagarsi dell’infezione. La situazione è seguita con grande attenzione dalla Asl di Viterbo.