Chi è Roberto Peregalli: età, vita e carriera dello scrittore

Chi è Roberto Peregalli: età, vita e carriera dello scrittore. Originario di Milano, classe 1961. Scopriamo di più sul conto di questo artista.
Roberto Peregalli

Allievo dell’architetto Renzo Mongiardino, ha scritto per il cinema e realizzato le scene di alcune opere liriche. Questa sera Peregalli, tra gli ospiti di Che tempo che fa, sarà intervistato da Fabio Fazio.

Chi è Roberto Peregalli: l’età, la vita e le tappe della carriera professionale dello scrittore

Nasce a Milano nel 1961, Peregalli, e dopo aver frequentato le scuole superiori, intraprende il percorso accademico, fino a laurearsi in Filosofia. La sua carriera professionale si snoda anche in un altro settore, oltre a quello filosofico. Peregalli infatti diviene allievo dell’architetto Renzo Mongiardino e dopo aver appreso la tecnica di questo mestiere, avendo lavorato diversi anni al fianco del suo maestro, fonderà, assieme a Laura Sartori Rimini, un prestigioso studio di architettura e decorazione, agli inizi degli anni Novanta.

Se vuoi conoscere tutte le notizie in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –>Stasera in tv – Che Tempo Che Fa: ospiti di oggi, 13 dicembre

Lo studio fondato con Laura Sartori Rimini viene ben presto considerato, dalla stampa internazionale, come uno tra i più influenti al mondo. Peregalli è divenuto inoltre scrittore, realizzando alcune opere per il cinema e collaborando anche con Condè Nast. Sono inoltre sue le scene di alcune opere liriche. La sua carriera si sviluppa sia in Italia che all’estero.

Potrebbe interessarti anche –> Corrado Augias, chi è: età, carriera, vita privata del giornalista e scrittore

Tra le opere pubblicate, ricordiamo La corazza ricamata, pubblicato nel 2008, nel 2010 I luoghi e la polvere, Proust, frammenti di immagini, nel 2013. Insieme a Laura Sartori Rimini, ha inoltre scritto, edito nel 2011, L’invenzione del passato, e nel 2018, Grand Tour.
Oggi Peregalli vive principalmente a Milano, ma quando è possibile, anche nel porto marocchino di Tangeri.
Roberto Peregalli