Alberto Genovese, nuove accuse a ‘Quarto Grado’: “Tanto sangue a letto”

La trasmissione di Rete 4 ‘Quarto Grado’ svela nuove accuse di una gravità estrema ad Alberto Genovese. Arrivano da un’amica della vittima.

Alberto Genovese Quarto Grado
A ‘Quarto Grado’ parla una amica della 18enne stuprata da Alberto Genovese Foto dal web

Emergono dettagli aberranti su Alberto Genovese e su quelle che erano le sue perverse abitudini. La trasmissione di inchieste di Rete 4 ‘Quarto Grado’ ha svelato ulteriori dettagli riguardo a ciò che accadeva nelle feste dal lui organizzate nel suo attico di Milano con tanto di vista sul Duomo.

Leggi anche –> Alberto Genovese, anche la sua ex fidanzata indagata: “Era presente”

A Terrazza Sentimento, come era conosciuto quel posto in cui si incontravano anche diversi vip oltre a ragazze molto belle e molto giovani, succedevano le peggiori nefandezze. A raccontarlo è una amica della 18enne vittima di stupro e resa inoffensiva dallo stesso Alberto Genovese a metà ottobre tramite sostanze stupefacenti. Cosa che viene imputata al 43enne imprenditore ed informatico, che attualmente è detenuto in carcere da oltre un mese. ‘Quarto Grado’ ha intervistato l’amica della vittima.

Leggi anche –> Caso Genovese: indagato Daniele Leali, il braccio destro

Alberto Genovese, la drammatica testimonianza dell’amica della 18enne

Amica che ha svelato di avere perso i contatti con la 18enne. “Quando l’ho rivista non era del tutto vestita. Mi ha detto che in stanza c’erano diversi uomini che l’hanno violentata. Diceva di avere dolori al bacino ed alla mandibola, oltre che diversi lividi su varie parti del corpo. Piangeva e mi ha anche detto di avere assunto della cocaina nella stanza di Genovese”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Villa Lolita, che cos’è e dove si trova: cosa faceva lì Genovese

E non è tutto: il resoconto della testimone riferisce che la 18enne era del tutto svestita ed era stata legata a letto. Così si era svegliata una volta che era rinvenuta dopo essere rimasta a lungo stordita per via della droga. “Ed il letto era pieno di sangue”.