Villa Lolita, che cos’è e dove si trova: cosa faceva lì Alberto Genovese

Villa Lolita è la casa di Alberto Genovese a Ibiza dove l’imprenditore ha tenuto alcune delle sue famigerate feste. Ecco tutto quel che c’è da sapere al riguardo. 

Il progetto di Alberto Genovese, prima dello scandalo che l’ha travolto, era quello di rifarsi una vita a Ibiza. Nella popolare meta turistica spagnola aveva messo le sue radici, era la seconda casa. Per le feste a Villa Lolita, in particolare, i requisiti per gli ospiti erano sempre gli stessi: no uomini belli, no fidanzati di coppia, evviva i gay, solo belle ragazze e calciatori alla larga. Se poi c’erano showgirl famose (una su tutte: Belen Rodriguez) e single, lui era contento e il lasciapassare per era assicurato…

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La location di Villa Lolita nel mirino degli inquirenti

Nei giorni scorsi una modella che ha frequentato la residenza sull’isola spagnola di Alberto Genovese ha reso una testimonianza in linea con la deposizione formalizzata da un’altra ragazza che ha accusato l’imprenditore di averla drogata e violentata nel luglio 2020 proprio a Villa Lolita.

Leggi anche –> Caso Alberto Genovese: indagato Daniele Leali, il braccio destro

Leggi anche –> Alberto Genovese, spunta un’altra accusa di stupro: i dettagli

Leggi anche –> Alberto Genovese, anche la sua ex fidanzata indagata: “Era presente”

“Era l’estate 2019 – ha raccontato la modella -, mi trovavo a Ibiza e un amico mi ha invitata a una festa che facevano nella villa di Genovese. Il programma era cenare lì con un po’ di gente e andare in discoteca dove era stato prenotato un tavolo. In quel momento non sapevo delle voci sul conto di Genovese, così ho accettato. Quando siamo arrivati alla villa il padrone di casa non c’era ancora, c’erano diversi ragazzi di Milano e alcune ragazzine molto giovani. Anche loro modelle, avranno avuto circa 18-20 anni. Ma erano molto magre, forse sembravano più piccole. Si parlava tutti in inglese. Dopo un po’ è arrivato Genovese, era già gasato e ha annunciato che la sera ci saremmo tutti devastati”. Il resto è cronaca.

EDS