Dramma nel cinema: Kim Ki-duk morto di Coronavirus, vinse a Venezia

Ancora un dramma nel mondo del cinema: Kim Ki-duk morto di Coronavirus, vinse a Venezia, ma anche a Berlino e Cannes.

(Andreas Rentz/Getty Images)

Il regista sudcoreano Kim Ki-duk è morto all’età di 59 anni per complicazioni derivanti dal Covid-19 mentre si trovava in Lettonia. Era un cineasta apprezzatissimo a livello internazionale e il suo decesso lascia un grandissimo vuoto nel mondo del cinema, non solo in patria, ma in tutto il mondo.

Leggi anche –> Morto a 84 anni il regista Pino Solanas: lutto nel mondo del cinema

Si ritiene sia morto in un ospedale lettone dove era in cura per il Coronavirus. Sembra che si fosse recato nel paese baltico con l’intenzione di acquistare una casa per ottenere un permesso di soggiorno. Le notizie sono confermate da Vitaly Mansky, il documentarista russo che vive in Lettonia e conosceva bene il collega sudcoreano.

Leggi anche –> Morta la regista Valentina Pedicini, aveva solo 42 anni: cinema in lutto

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La straordinaria carriera di Kim Ki-duk morto di Coronavirus

(JOHN MACDOUGALL/AFP via Getty Images)

Nato a Bonghwa, in Corea del Sud nel 1960, Kim Ki-duk si è affermato come regista di cinema d’autore di alto livello, spesso oscuro e controverso, che ha fatto scalpore nel circuito dei festival internazionali. Ha anche avuto controversie nella sua vita personale ed è stato accusato di abusi da più donne. Nessuna di queste accuse è stata poi mai provata in tribunale. Tra i film che ha diretto ci sono L’isola, Indirizzo sconosciuto, Primavera, estate, autunno, inverno… e ancora primavera, La samaritana, Ferro 3 – La casa vuota, Amen, Pietà e Il prigioniero coreano.

Si tratta anche di uno dei registi più premiati in diversi festival: nel 2004 ha vinto Orso d’argento al Festival internazionale del cinema di Berlino per La Samaritana, quindi nello stesso anno il Leone d’Argento – Premio speciale per la regia a Venezia per Ferro 3 – La casa vuota, poi ancora nel 2011 il premio Un Certain Regard al Festival di Cannes per Arirang e nel 2012 il Leone d’oro al miglior film a Venezia per Pietà. L’ultima uscita di Kim Ki-duk è stata il film in lingua russa Dissolve, che ha debuttato a Cannes nel 2019.