Bimba di 3 anni muore congelata in casa: l’assurda spiegazione della madre

La piccola sarebbe morta congelata dopo aver camminato da sonnambula in un corridoio non riscaldato a -15 °C senza che i suoi genitori se ne rendessero conto. 

Una bambina di soli tre anni è morta congelata in casa sua dopo essere entrata in un corridoio non riscaldato a -15°C senza che i genitori se ne accorgessero, secondo quanto riferito dalla madre Svetlana Kuleshova, 23 anni. Angelina è stata trovata priva di vita vicino alla porta di casa dalla mamma, che aveva iniziato a cercarla dopo essersi resa conto che non era nel suo letto. La sera prima la famiglia aveva festeggiato il compleanno della figlia minore, che ha compiuto un anno. Il tragico “incidente” è avvenuto nella città meridionale di Satka in Russia.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Lo strano caso della bimba morta congelata in Russia

Svetlana ha raccontato alla Polizia locale che la sera prima della disgrazia “ho messo a letto Angelina e si è addormentata prima di mezzanotte. Noi [lei e suo marito] abbiamo guardato un po’ di TV e poi siamo andati a letto anche noi. Quando ci siamo svegliati la mattina, non l’abbiamo trovata in camera sua. Era nell’ingresso, sdraiata sul pavimento”.

Leggi anche –> Bimbo di 7 mesi morto congelato: lasciato per ore sul balcone a -20°C

Leggi anche –> Anziano creduto morto messo nel congelatore, poi si risveglia: guai per la famiglia

Secondo i genitori, Angelina era incline al sonnambulismo e spesso dovevano riportarla a letto. Ma la notte della tragedia, avvenuta una settimana fa, il 4 dicembre, nessuno di loro l’ha vista né sentita uscire dalla sua stanza. La madre crede che Angelina sia entrata nel corridoio, che è una zona non riscaldata della casa della famiglia, e non sia riuscita a trovare la strada per tornare indietro. “Molto probabilmente non ha trovato la maniglia della porta al buio e non è potuta rientrare.”

La madre ha aggiunto che né lei né suo marito hanno sentito alcun rumore per tutta quella maledetta notte. La Polizia ha però avviato un procedimento penale nei confronti della madre, accusata di aver causato la morte per negligenza: rischia fino a due anni di carcere se condannata. Nel frattempo l’altra figlia è stata affidata ai servizi sociali.

EDS