NAIP, chi è: età, carriera, vita privata del finalista di X-Factor

Il bolognese Michelangelo Mercuri, alias NAIP, è uno dei protagonisti di X-Factor 2020. Ecco tutto quel che c’è da sapere su di lui.

NAIP l’acronimo di “Nessun Artista In Particolare” ed è un progetto musicale italiano formato da una persona – Michelangelo Mercuri – che fa uso di batteria elettronica, synth, loop station, chitarra e voce. I brani di NAIP sono generalmente formati da una melodia, un’armonia, un tempo e un testo. Conosciamolo più da vicino.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’identikit di NAIP

Michelangelo Mercuri ha 29 anni, è nato a Lamezia Terme ma vive a Bologna. Ha iniziato a fare musica all’età di 16 anni, quando ha organizzato una colletta nella sua classe per comprarsi la sua prima chitarra elettrica. Noto come NAIP, è un polistrumentista che scrive e compone in modo ricercato, meticoloso e ironico. A X-Factor 2020 si è messo subito in vista, ottenendo 4 “sì” alle Audition grazie al suo inedito “Attenti al Loop”, che ha fatto impazzire i giudici e il pubblico. Mika di lui ha detto: “Non è un eccentrico, è un artista. E questa cosa va difesa e spiegata bene”.

Leggi anche –> X-Factor, Vergo: chi è il palermitano protagonista del talent

Leggi anche –> X-Factor, Eda Marì: chi è la calabrese protagonista del talent

Sul significato del suo nome d’arte, Michelangelo Mercuri ha dichiarato: “E’ un nome che ho scelto perché mi piace sia a livello estetico, sia a livello concettuale, sia a livello essenziale. Ho iniziato da questa scelta estetica, oggi credo che questo significato sia amplificato dalla sovrapproduzione artistica che viviamo quotidianamente”.

Con circa 8mila follower sul suo profilo Instagram, NAIP spiega di non essere “mai stato bravo nel classificare per generi gli artisti che mi sono trovato ad ascoltare. Certo siamo in un’epoca dove tutto viene miscelato. Quindi c’è mix nel jazz, nel rock, nel pop, nel blues, magari in un unico brano. E questo non rende particolarmente sorpresi gli ascoltatori”.

EDS